Un'operazione in difesa, un centrale come base minima del mercato estivo. Un colpo importante perché la Juventus deve ristrutturare un reparto che ha denunciato problemi seri nell'ultima Champions League e non solo: l'età avanza, i continui dolori fisici di Chiellini hanno impedito al miglior centrale bianconero di esserci nel momento decisivo, il risultato è stato sotto gli occhi di tutti. Una lacuna da risolvere con un investimento pesante su quel ruolo, siamo già alla scrematura della Juve per arrivare nel modo migliore a giugno quando sarà l'ora delle scelte.

LA SITUAZIONE - Ecco perché il ds Fabio Paratici sta già iniziando a impostare i discorsi per diversi difensori centrali di livello europeo: col sogno de Ligt sempre più vicino al Barça, il preferito è senza dubbio Varane del Real Madrid che ad oggi non è sul mercato e vale cifre impossibili, domani chissà. Lavori in corso sia su Manolas che su Ruben Dias, ma nessuno dei due rappresenta una priorità assoluta e Paratici è solito rimanere attivo su più tavoli prima di sferrare il colpo decisivo. Rimane prenotato Cristian Romero del Genoa, la Juventus però non ha ancora valutato l'opportunità di portarlo a Torino già nel prossimo luglio visto che potrebbe essere necessario un altro anno di 'apprendistato' col Grifone. RISPOSTE NEGATIVE - In queste settimane di incontri e contatti però sono arrivate le prime risposte negative su due difensori. Non sono bocciature proprio perché quello dei centrali è un mercato particolare che può riservare sorprese o costringere a mosse diverse rispetto a quanto previsto; Samuel Umtiti del Barcellona è un nome emerso negli ultimi giorni perché Paratici ha avuto qualche colloquio preliminare, ad oggi non è andato oltre per via dei problemi fisici del centrale francese, un investimento ritenuto troppo rischioso dalla Juventus visti anche i costi elevati. Non c'è la questione fisica ma invece una valutazione tecnica dietro alla reazione fredda dei bianconeri per Jerome Boateng​, centrale del Bayern Monaco che non ha mostrato continuità nel rendimento ad alti livelli negli ultimi anni. Non è una prima scelta per la Juve che anche in questo caso ha visto il tedesco offrirsi ma senza un affare che stia già decollando, tutt'altro. Prime scelte in arrivo quindi sul versante difesa, in attesa di capire quali sogni saranno realizzabili.