6
Tempo di rinnovi in casa Juventus. Marotta non ha tempo per prendersi una vacanza, archiviato il mercato invernale, con il fallimento della trattativa con l'Inter per Fredy Guarin e l'arrivo dal Southampton in prestito con diritto di riscatto di Pablo Osvlado, il dg bianconero è già al lavoro per affrontare un capitolo spinoso. C'è da trovare l'accordo con Conte e capire cosa fare degli otto giocatori in scadenza tra giugno e il 2015. Calma e sangue freddo, nelle prossime settimane verranno prese delle decisioni importanti, tutte per il bene della Juventus.

BLINDATI CONTE E LA VECCHIA GUARDIA - Non sembrano esserci dubbi sul rinnovo di Conte. Agnelli è stato chiaro, il tecnico della rinascita bianconera resta al suo posto, per lui è pronto un prolungamento fino al 2017 con ritocco dell'ingaggio. E' solo una questione di dettagli anche il rinnovo di quattro pilastri della retroguardia, Chiellini, Buffon, Lichtsteiner e Barzagli, tutti in scadenza nel 2015 e tutti devoti alla causa Juventus.  

I PRIMI DUBBI - Da valutare le situazioni di tre giocatori della rosa, che per ragioni diverse, a giugno potrebbero fare le valigie. Storari e Rubinho, in scadenza a fine stagione, potrebbero cambiare aria in cerca di una nuova sfida. Discorso valido anche per Giovinco, legato alla Juventus fino al 2015 ma consapevole che a Torino, per luic'è il rischio di fare la muffa in panchina.
ADDIO CERTO - SU Vucinic e Quagliarella non invece sembrano esserci dubbi. Entrambi erano sul mercato a gennaio, entrambi hanno i giorni contati alla Juventus. Quagliarella, prima messo fuori rosa (anche se il club ha smentito) poi reintregrato, potrebbe anticipare i tempi e accettare entro al fine di febbraio la ricca offerta del Guangzhou Evergrande di Marcello Lippi, per Vucinic resta viva l'ipotesi Inter per giugno.

E POGBA? - Non ha il contratto in scadenza ma è una priorità il rinnovo milionario per Paul Pogba. Il centrocampista francese, che al suo arrivo dal Manchester United ha firmato un contratto fino al 2016, è considerato presente e futuro della Juventus, ma serve un segnale forte da parte della famiglia Agnelli per trattenerlo a Torino e scacciare le voci di un trasferimento al Paris Saint-Germain, pronto a spendere 50 milioni di euro per portarlo a Parigi.