Commenta per primo

 

Porte aperte a Vinovo. Per tanti tifosi bianconeri, che hanno potuto assistere alla sgambata contro il Savona. Ma anche per un visitatore speciale. Allo Juventus Center era presente Emerson.
 
Il “Puma”, tra i protagonisti degli Scudetti vinti nel 2005 e nel 2006, ha colto l’occasione di un viaggio in Italia per venire a salutare tanti ex compagni quali Gianluca Pessotto, Pavel Nedved e Alessandro Del Piero, ma anche Antonio Conte e i bianconeri presenti allo Juventus Center.
 
Ma anche per parlare di lavoro. Emerson ha aperto una Scuola Calcio in Brasile per scovare i campioni di domani, talenti capaci di lasciare un segno magari anche nella Juventus. Proprio come successo all’ex centrocampista. «Mi piacerebbe portare qui qualche ragazzo – ha confessato a Juventus Channel -. In Brasile ci sono tanti bravi giocatori con la mentalità giusta, il nostro compito è quello di farli crescere».
 
«Sono contento di essere qui – ha proseguito il “Puma” – e mi ha fatto piacere ritrovare tanti amici. Lo Juventus Center è un bel centro sportivo, mi spiace non averlo potuto sfruttare da giocatore, comunque ho passato due grandi anni e qui ho capito cosa vuol dire giocare in una squadra che punta sempre in alto. La nuova Juve? Ha la mentalità giusta e credo che pian piano sta tornado la versa Juve. La società ha acquisto ottimi giocatori che hanno subito fatto bene».
 
La sua Juve come quella di oggi è unita dalla presenza di Alessandro Del Piero. Il giorno dopo il 37° compleanno del capitano, le parole di Emerson valgono un altro regalo di compleanno. «Alex è un grande, una persona per bene, un vero esempio e una bandiera. Sono felice di averlo conosciuto e di averci giocato insieme, merita tutto quello che ha conquistato».