107
Tutto tace sul futuro di Sami Khedira, centrocampista fuori dal progetto Juve fin dalla scorsa estate e ancora in attesa di una sistemazione. Fino a qualche settimana fa, per il tedesco c'erano alcune ipotesi sul tavolo, in primis Everton e Stoccarda, poi cadute nel nulla per le richieste contrattuali del giocatore, che non vuole rinunciare a un euro dei sei milioni annui netti che percepisce dai bianconeri, e per l'opposizione del club, non disposto a cederlo in prestito continuando a pagargli parte dello stipendio. L'ultima suggestione, di questi giorni, riferisce di un Khedira offerto dalla Juve alla Roma per arrivare a Edin Dzeko, ma è un rumors che per il momento resta tale, senza riscontri effettivi. 

STALLO IN ATTESA DI UN LAST MINUTE - Una situazione di stallo dunque, un braccio di ferro senza né vinti né vincitori per ora. Perché il 33enne ex Real Madrid, in scadenza di contratto a giugno, si sta giocando in tribuna una buona fetta degli ultimi scampoli di una carriera importante e vincente, e la Juventus, non riuscendo a liberarsi del suo pesante ingaggio, si vede precluse altre operazioni di mercato. Questo ad oggi, poi da qui a lunedì, quando si chiuderà il mercato, non sono esclusi colpi di scena e giochi di prestigio last minute. 
CHIOCCIA DI MCKENNIE - Intanto in questi mesi Khedira ha continuato ad allenarsi alla Continassa. E chissà che non ci siano anche i suoi suggerimenti in tedesco dietro all'esplosione del giovane Weston McKennie, che di Khedira sembra aver ereditato la capacità di inserirsi fra le linee, partendo da centrocampo per poi colpire in area di rigore avversaria.