191
In attesa di conoscere il suo futuro dal punto di vista processuale (penale e sportivo), la Juventus pensa a una riorganizzazione. Azzerati i vertici con le dimissioni del Cda, compresi il presidente Andrea Agnelli, il vicepresidente Pavel Nedved e l'ad Maurizio Arrivabene (con la permanenza di quest'ultimo, per ora, con delega), John Elkann ha scelto il nuovo presidente, Gianluca Ferrero, e il nuovo direttore generale, Maurizio Scanavino, per un periodo di transizione. Dopo un interregno 'tecnico', i piani di Exor prevedono però altri nomi, più legati al mondo del calcio: il profilo più gettonato per la carica di futuro presidente (o vicepresidente esecutivo) è quello di Alessandro Del Piero, mentre per il ruolo di ad rispunta il nome di Beppe Marotta, in bianconero dal 2010 al 2018 e ora all'Inter, con un contratto fino al 2025. Secondo Repubblica, la grande tentazione della Juve sarebbe proprio quella di riportare il 65enne dirigente varesino alla Continassa.

Il ritorno di Marotta alla Juve avrebbe tanti aspetti potenzialmente vantaggiosi, ma anche qualche incognita, che vediamo insieme...

MAROTTA DI NUOVO ALLA JUVE? PRO E CONTRO, CONTINUA A LEGGERE...