La sosta è terminata e la Juve si ripresenta in campionato dovendo affrontare quello che, dopo tre turni, è a tutti gli effetti uno scontro al vertice: allo Stadium arriva il Sassuolo, poi i bianconeri andranno a Valencia per il debutto in Champions. Tanti i nodi da sciogliere a cominciare da quello legato a Dybala, sempre aspettando il primo gol ufficiale di Cristiano Ronaldo. Questi i temi toccati da Allegri in conferenza stampa.

DYBALA - "Sono molto contento di come è entrato a Parma, già con un approccio diverso. Deve fare come gli altri, si deve allenare, deve trovare condizione ottima. Da adesso si gioca ogni tre giorni, da qui a dicembre abbiamo due obiettivi: passare il turno in Champions e mantere testa della classifica. Ho rosa importante, ogni tanto bisogna restare fuori, ma le partite si giocano in 14"

DE ZERBI - "Uno degli allenatori più bravi in serie A. Sta facendo bene col Sassuolo perché ha giocatori di qualità superiore rispetto a quelli che aveva l'anno scorso a Benevento. Sono secondi in classifica, hanno entusiasmo, giocatori bravi. E un allenatore che si sta facendo valere".

DYBALA 2 - "Non ha giocato fin qui perché ho fatto scelte diverse. Le sue qualità non sono in discussione, ma deve mettersi in discussione. Io devo fare delle scelte. Ma se domani gioca e magari sbaglia, poi viene massacrato"

MATUIDI - "Chi ha giocato due partite in nazionale è difficile che giochi. Tranne uno. Matuidi, lui gioca comunque"

CRISTIANO RONALDO - "Ha lavorato bene, domani credo che si sbloccherà e farà gol"

PERIN - "Domani gioca Szczesny, poi ci sarà spazio anche per Perin che si sta allenando bene ed è pronto per giocare".

TURNOVER - "Mandzukic credo che scenderà in campo. Chiellini è fortemente indiziato a rifiatare"

SISTEMA - "Questione di caratteristiche di giocatori. Se siamo con Mandzukic, Ronaldo e Dybala non abbiamo problemi quando abbiamo la palla, se non ce l'abbiamo tutti si devono mettere a disposizione. Siccome per caratteristiche questi tre possono occupare zone del campo con più disordine. Giocheremo con 4-3 e poi vediamo".

DIFESA - "Abbiamo subito già tre gol, non va bene. Abbiamo subito troppe occasioni. Dobbiamo trovare solidità diversa"

EMRE CAN - "Dove gioca? A centrocampo (ride). Prima partita da titolare, Pjanic difficilmente gicoherà, devo valutare Khedira. Non è questione di calcio migliore o peggiore, ma sono tipologie di calcio diverse tra Italia, Spagna o Inghilterra. Difficile abbia 90 minuti sulle gambe".

NAZIONALE - "Serve equilibrio. Dobbiamo domandarsi sulla soluzione da trovare. Bisogna rivedere quelle che sono stati negli ultimi vent'anni delle idee di calcio, per andare avanti si deve fare qualche passo indietro. Quello che c'è stato quarant'anni fa nel calcio non è tutto da buttare. Chi di dovere deve fare un programma, verso educatori e insegnanti. Ci sono meno giocatori, vero. Ma può darsi ci sia metodologia da rivedere".

PJANIC - "Può giocare, solo che ha fatto prime tre partite e poi quelle con la Nazionale. Però può avere una mezza giornata di riposo".

UNDER 23 -"Ho parlato con Zironelli, abbiamo anche giocato insieme un anno a Pescara. E' una squadra con giovani tecnici di valore che sicuramente troveranno difficoltà di giocare contro squadre di serie C. Ma servirà loro per la crescita di questi giocatori. All'interno del percorso di ogni ragazzo c'è anche questo, perché poi quando arrivano in prima squadra l'obiettivo è quello del risultato. Solo con l'esperienza possono migliorare, la serie C secondo me è formativa".

TERZINI - "Possono giocare due tra Alex Sandro, De Sciglio e Cancelo'

ALLEGRISMO - "Quello che mi piacerebbe è che si facesse qualche passo indietro e si tornasse a vedere i bambini giocare a calcio. Noi abbiamo Fagioli, vederlo giocare è un piacere. Un ragazzo del 2001 che conosce i tempi del gioco, è bello vederlo giocare. Non è che ne escan fuori tutti gli anni. Un passaggio fatto bene può voler dire un'occasione da gol".

VICE CHIELLINI - "O Benatia o Rugani, devo decidere".