67

Torna il campionato e Maurizio Sarri presenta così Juventus-Parma dall'alto del titolo virtuale di campione d'inverno. Con alcuni nodi da sciogliere e il caso Emre Can ormai esploso per l'ennesima volta.

ANASTASI - ”Voglio spendere un ricordo per lui, giocatore importantissimo per la Juve e il calcio italiano. Uno dei miei primi ricordi è stato l’Europeo del ‘68. Grande uomo”

TRIDENTE - “Preferisco avere problemi di abbondanza. Vediamo. Dipende da che tipo di equilibrio riusciamo a trovare. Solo Higuain ha un ruolo ben preciso, gli altri due sono di livello straordinario e istintivi senza posizione definita”

DE LIGT - “Giocava tre partite in fila quando aveva giocato 15 partite ravvicinate, penso possa farle anche ora. Comunque con Rugani e Bonucci problemi non ci sono”

PARMA - “Classifica parla chiaro, in Coppa Italia hanno riposato i titolari. In forma, gioca bene. Il nostro atteggiamento deve essere estremamente attento”

KULUSEVSKI - “Non ho idea se possa arrivare, da quello che ha detto il direttore credo di no. Spero domani di non vederlo, che i nostri lo nascondano, spero di vederlo bene tra sei mesi”

DYBALA-RONALDO - “Paulo fa bene con tutti, poi solo con Ronaldo andiamo solo poco per vie centrali. Falso mito che non possano giocare assieme”

EMRE CAN - “Non ho preclusioni, il rilancio può esserci sempre e comunque’

DOUGLAS COSTA - “Viene da periodi di inattività, può darsi che possa accusare il minutaggio di mercoledì. Oggi capiremo meglio”

RABIOT - “In fase di ambientamento è stato in difficoltà, ora sta crescendo e lo vede anche più presente in fase difensiva. Non mi meraviglierei di rivederlo nella sua Nazionale”

INTER - “Paura mi sembra una parola grossa, non seguo il nostro di mercato e figuriamoci se seguo quello degli altri. Pensiamo solo a noi, cercando di esprimerci al cento per cento del nostro potenziale, cosa che non sempre abbiamo fatto”

CALENDARIO - “Per me Juventus-Roma è lontana nel tempo, io sto pensando solo al Parma. Le tabelle sono una delle più grandi cazzate della storia del calcio, dobbiamo avere la forza di concentrarci partita dopo partita. Dobbiamo avere testa per affrontare il Parma, un mese e mezzo nel calcio è una vita”

BERNARDESCHI - “Per me l’ipotesi che possa partire non esiste perché nessuno me ne ha parlato"