48
Andrea Pirlo, alla sua prima esperienza in panchina e dopo appena due partite stagionali, è già atteso da una prova importante: per alcune partite la sua Juve dovrà fare a meno di Cristiano Ronaldo, fermato dalla positività al Covid-19. Senza il cinque volte Pallone d’Oro (e con Dybala ancora ai box), Pirlo è chiamato a riorganizzare l’attacco della sua squadra. Un bel banco di prova, per affrontare il quale il nuovo allenatore dei bianconeri dovrà mettere in pratica tutto quello che ha imparato dai cinque allenatori che più hanno inciso sulla sua formazione, come calciatore prima e come tecnico dopo. Intervistato da Uefa.com, Pirlo ha spiegato: “Ho avuto la fortuna di avere grandi allenatori. Da Lucescu, che è stato uno dei primi a Brescia, un maestro, a Lippi, Ancelotti, Conte, allo stesso Allegri. Ho avuto la fortuna di avere dei top mondiali e sono contento di aver lavorato con loro, cercherò di prendere qualcosa da ognuno".

Già, ma qual è l’insegnamento specifico che ognuno di loro può aver dato al Maestro? 

CONTINUA A LEGGERE: LE 5 LEZIONI DI PIRLO. DAI SUOI MAESTRI ALLA SUA JUVE