48

Un inizio scoppiettante, poi tanta, troppa fatica. La tournée negli Stati Uniti lascia in eredità alla Juventus un Fernando Llorente in grande difficoltà. Conte ha parlato con lui, gli ha spiegato cosa non va, gli ha detto di stare tranquillo e di lavorare sodo, ma rispetto a qualche settimana fa non è più sicuro dello spagnolo. Non lo considerà più un titolare, a differenza di Tevez, e ci sono anche i numeri a confermare questa tesi. Come scrive La Gazzetta dello Sport , infatti, nelle tre partite dell’International Champions Cup il minutaggio di Llorente è diminuito (70’ contro l’Everton, 45’ contro i Galaxy, 20’ contro l’Inter), mentre quello di Tevez è rimasto costante (70’ nel primo incontro, 83’ nel terzo, aveva saltato il secondo per una botta alla schiena) e quello di Vucinic è aumentato (20’ con gli inglesi, 21’ con gli americani, 70’ con i nerazzurri).

In attesa di avere il miglior Llorente, la Juventus ha deciso di togliere dal mercato il montenegrino. Conte non vuole rischiare, settimana prossima, con la Lazio in coppa Italia, si fa sul serio e vuole giocatori pronti. Ma i movimenti in etrata e in uscita non si fermano qui. Matri e Quagliarella cambieranno aria, ma con Vucinic, Tevez, Llorente e Giovinco, arriverà un'altra punta. Sarà giovane, poco ingombrante e tutti gli indizi portano a Boakye considerando le poche chance di arrivare ad Ibarbo e Biabiany.