Commenta per primo

 

Nella prima amichevole stagionale (12-1 contro la Rappresentativa Val Susa), Antonio Conte ha già dato un'idea di quella che potrebbe essere la sua Juventus. Un 4-4-2 con una difesa molto organizzata e la possibilità, per gli esterni di centrocampo, di portarsi in certi frangenti della gara, e in fase di possesso palla, sulla stessa linea degli attaccanti, a formare il 4-2-4 che costituisce il marchio di fabbrica del tecnico leccese. 
 
Ieri Conte nel primo tempo ha schierato questa formazione: Buffon (35’ Storari); Lichtsteiner, Sorensen, Chiellini, Grygera; Krasic, Pazienza, Pirlo, Marchisio; Quagliarella, Matri. Nella ripresa, invece, la Juve ha giocato così: Storari (21’ Manninger); Motta, Bonucci, Barzagli, Ziegler; De Silvestro, Marrone, Melo, Pepe; Matri (21’ Quagliarella), Toni. 
 
Fra tutti i giocatori impiegati ieri a Bardonecchia, l'unico ad essere stato schierato 'fuori ruolo' è stato Claudio Marchisio, utilizzato come esterno di centrocampo, una posizione che spesso in carriera gli è toccato ricoprire (anche in Nazionale con Lippi), ma che non ha mai sentito sua, prediligendo giostrare come interno. Fatto sta che nel primo test stagionale, Conte ha schierato Marchisio sulla sinistra e non come centrale a fianco di Pirlo (nel primo tempo) o di Melo (nella ripresa). 
 
Ora, considerato che non è un mistero che la Juventus stia cercando un giocatore di fascia (Bastos), o un attaccante che potrebbe adattarsi al ruolo di esterno meglio di Marchisio (Vucinic) o un centrocampista più propenso di Marchisio a giocare anche sulla fascia (Vidal), è lecita una domanda: cosa sarà di Marchisio quando uno dei tre giocatori di cui sopra sarà acquistato dal club bianconero? Diventerà una riserva di lusso o sarà messo sul mercato?
 
Tutto questo, naturalmente, fatta salva la stima di Conte per Marchisio ("Il giocatore di oggi in cui mi rivedo di più? Per le caratteristiche direi Marchisio, ma credo che Claudio sia più forte di quanto lo fossi io", ha detto Conte), fatta salva la fiducia della società nel giocatore ('schierato' anche alla presentazione delle nuove maglie) e fatta salva l'abnegazione del ragazzo nell'adattarsi a giocare in una posizione che non sente sua.