9
A Sky Sport ha parlato l'amministratore delegato della Juventus Beppe Marotta che ha commentato il 30esimo scudetto bianconero: "Questa Juventus targata Andrea Agnelli e Antonio Conte ha fatto qualcosa di straordinario in questi tre anni, abbiamo scritto una pagina importante della storia della Juventus. Conte è un grandissimo gestore di gruppi, ha inculcato una mentalità vincente sin dal primo giorno. Il merito è di tutti, anche della squadra invisibile. Sapevamo che sarebbe stata una stagione difficile, ripetersi per la terza volta è qualcosa di straordinario. I valori in un campionato vengono fuori e chi vince è sempre il migliore. Sapevamo che era difficile, lo abbiamo visto in quella partita di Firenze, però avevamo dalla nostra una grandissima motivazione".

Su Conte: "Abbiamo detto che ci saremmo incontrati tutti a bocce ferme. Le bocce si sono fermate un po' prima, con calma nella prossima settimana avremo modo di confrontarci. Siamo orgogliosi del nostro allenatore che reputo uno dei migliori al mondo per i principi tattici e per come sa motivare il gruppo. È un patrimonio e ce lo teniamo stretto".

Su Pogba: "L'intenzione e la fermezza da parte nostra è quello di voler allungare il contratto, nell'incontro non abbiamo approfondito, ci dobbiamo rivedere ma abbiamo trovato disponibilità da parte dell'entourage del ragazzo. Lui sa che può crescere ancora a Torino, l'esito sarà sicuramente positivo".
Sul mercato: "La caratura della squadra è importante. Abbiamo allestito questo gruppo alzando ogni anno l'asticella della qualità e abbiamo l'obbligo di migliorarci ogni anno. Non faremo pazzie: dobbiamo rispettare i criteri del fair play finanziario sapendo di poter contare su un gruppo che può migliorare giorno dopo giorno".

Su Pirlo: "Dovevamo mettere mentalità vincente in un gruppo che aveva attraversato il post Calciopoli. Lui era esperto, aveva vinto tanto e in lui abbiamo visto la possibilità di trasmettere al gruppo questa mntalità vincente".