31
Fabio Paratici, ds della Juventus, a Sky Sport commenta le trattative bianconere in questa ultima settimana di mercato in arrivo.

Come ha vissuto la giornata con il pareggio dell'Inter e che partita si appresta a vivere? C'è un -27...
"Abbiamo vissuto una giornata come sempre quando giochi alle 20:45. A Napoli è sempre impegnativa per noi, per la Juve, ci sono tante cose da organizzare, quindi non abbiamo guardato più di tanto le partite. Certo, è chiaro che sappiamo i risultati, quindi questo è normale. Per quanto riguarda il meno 27, credo che il Napoli sia stato un esempio in questi anni di gestione, di risultati sportivi, non so quanti anni consecutivi sono in Champions League, prima non era così. Ma è il classico esempio di come questo mondo vada talmente veloce che tutti si dimenticano come era prima. Questa è una squadra ben costruita, con bravissimi calciatori, a testimonianza del fatto che sono appetiti sul mercato- Ha avuto un momento di difficoltà, può succedere a tutti, ripeto, questo è quanto sia dato per scontato il risultato; non è scontato che il Napoli arrivi 4-5 anni consecutivamente secondo, che faccia 90 punti, che arrivi in Champions League. Come non è scontato che la Juve vinca 8 scudetti di fila, è qualcosa di straordinario e di epocale. Però siamo in questo mondo molto veloce, dove brucia tutto e ci si dimentica alcune volte di queste cose".​

SCAMBIO COL PSG – “Kurzawa per De Sciglio è un’opportunità pronta, ci si parla tra club di questo livello. Questa è un’ipotesi portata avanti tra noi e il PSG, vedremo nei prossimi giorni se si chiuderà”.

EMRE CAN – “Emre è un giocatore della Juve, se rimane siamo contenti. Altrimenti se ci sarà un’opportunità che farà felice la Juve e il giocatore, andrà bene a tutti. Barça, Borussia e altri club lo vogliono perché è uno dei migliori centrocampisti d’Europa”.

ALTRO COLPO – “Se parte Emre Can? Siamo contenti così, speriamo che Emre resti perché è un giocatore importante. Se andrà via, non sarà sostituito”.

BERNARDESCHI – “Non stiamo trattando col Barça o col Milan per Bernardeschi. La scelta che posso dire è che andremo avanti con lui”.