78
Daniele Rugani è in uscita dalla Juventus. Gli infortuni di Giorgio Chiellini prima e Merih Demiral poi hanno “costretto” la società bianconera a trattenerlo, ma la Juve ha le idee chiare sul suo futuro: è in uscita, la volontà è di cederlo anche per ragioni di bilancio. La crescita auspicata, nonostante l’arrivo di Maurizio Sarri, non c’è mai stata. Per il cartellino del difensore classe 1994, la Juve chiede circa 15/20 milioni di euro, ma la società sta provando a utilizzare anche Rugani come pedina di scambio.


SCAMBI - Il direttore sportivo bianconero Paratici l’ha offerto alla Roma, il sogno è uno su tutti: Nicolò Zaniolo. Sul tavolo anche i nomi di Cengiz Under e Justin Kluivert, ma solo sullo sfondo: è il trequartista ex Inter il pallino della Juventus. La società bianconera riflette anche sull’opportunità di utilizzare il difensore con la Fiorentina per arrivare a Gaetano Castrovilli o Federico Chiesa, due giocatori in cima al taccuino bianconero. Ma l’ostacolo è lo stesso delle scorse finestre di mercato: l’ingaggio che percepisce Rugani.

NODO INGAGGIO - L’ex Empoli guadagna quanto Giorgio Chiellini: 3,5 milioni netti a stagione. Un ostacolo importante per la cessione di Rugani, che anche l’anno scorso era stato accostato al Napoli e al Milan in Italia, allo Zenit in Russia e al Wolverhampton in Inghilterra. Troppo alte le richieste del giocatore, che alla fine è rimasto alla Juve, ma senza trovare grande spazio. Prima della sosta forzata aveva totalizzato solo 7 presenze: 3 in Serie A, 2 in Champions League e 2 in Coppa Italia. Una riserva di lusso, che la Juve vuole cedere in estate.