86
Mino Raiola, agente di Paul Pogba, ha replicato tramite i microfoni di talkSPORT alle parole di Ole Gunnar Solskjaer, con il quale è nata una forte discussione in merito al futuro del francese: "Il risultato per lo United ieri è stato buono, quindi probabilmente dovrei parlare più spesso.Parlando seriamente, ho pensato che Solskjaer fosse fuori contesto. Ha preso parti delle miei frasi di un'intervista ed è stato un po' offensivo pensando che io stessi offrendo Pogba ad altri club senza il permesso. Se leggete l'intera intervista, vedrete che mi è stato chiesto se a Paul piacesse l'Italia. Io ho detto che l'Italia è la sua seconda casa, ma ora non è questo il caso visto che lui è concentrato sul Manchester United e sta cercando di tornare in squadra il più velocemente possibile, oltre che di fare un grande finale di stagione".

Cosa rispondo alla frase "Pogba è un nostro giocatore e non di Mino"? "Io non ho mai detto che è mio, ma questo non significa che se interpellato io non possa rispondere. La domanda era 'gli piacerebbe l'Italia?', cosa che non ha a che fare con l'essere un giocatore dello United. E poi dire che sei un giocatore dello United, vuol dire che sei di proprietà del club? Ripeto, mi è stato chiesto se gli piace l'Italia e io ho risposto come Mino Raiola. Non ero autorizzato a farlo? Non sono autorizzato a parlare dei giocatori che rappresento solo perché sono di proprietà del Manchester United, della Juventus, del Barcellona o di qualsiasi altro club del mondo? Sarebbe una cosa strana da dire a un giornalista, visto che l'unico argomento di discussione è se un giocatore parte o non parte. Solskjaer ha detto che è di proprietà dello United, come se qualcuno non potesse avere un'opinione su un giocatore. Ed è questo che io ho vissuto come un'offesa. Per me è uno strano modo di discutere perché ripeto, non stavo parlando di Pogba in relazione al futuro in Italia. Mi è stato semplicemente chiesto da un giornalista italiano se a Pogba piace l'Italia. Questo è tutto".

Il tema Pogba inteso come giocatore del Manchester United? "Solskjaer ha detto che è di proprietà del Manchester United e il mio problema principale è proprio questo. Paul è un impiegato del club, non è di proprietà dello United. E l'essere un impiegato non significa che io non possa avere un'opinione o dire ciò che penso".
Il rapporto con Solskjaer "Io non ho mai parlato di Solskjaer sui giornali o a mezzo stampa, lui invece parla spesso di me. Che riguardi Haaland, l'infortunio di Pogba o il suo intervento chirurgico, lui parla sempre di me. Ma io non parlo di lui. Ho il diritto di avere un'opinione e di rappresentare i miei giocatori nel modo che preferisco. Se questo non gli va bene è un problema suo. L'unica cosa che mi interessa sono i miei giocatori e loro sono felici di essere rappresentati in questo modo".

Dopo tante parole, cosa riserva il futuro di Paul Pogba? "I tifosi dello United dovrebbero leggere l'intera intervista. Lui è concentrato solo sul Manchester United fin quando finiranno gli Europei. Il focus adesso è quello di rientrare il prima possibile per aiutare la squadra ed avere un bel finale di stagione con lo United. Ripeto: Paul è concentrato sul Manchester United solo fino alla fine di Euro2020, a quel punto parleremo col club se ci sarà bisogno".