Commenta per primo



Stuzzicante e sensata l'ultima voce di mercato: Cavani ariete della Juve nella prossima stagione impreziosita dal ritorno in Champions. Il caffè che il procuratore Anellucci ha preso con la dirigenza bianconera è un chiaro segnale inviato al presidente De Laurentiis, che pero' nicchia, giudstamente.

I tifosi azzurri tremano al pensiero di un affare 'modello Quagliarella', ma le condizioni sono assai differenti: lo stabiese fu ceduto perchè non era una prima punta ed era entrato in conflitto con Lavezzi, pupillo del pubblico e dell'allenatore. L'ira funesta della tifoseria fu placata dall'immediato acquisto del Matador Cavani, giovane promettente che si è consacrato proprio in maglia azzurra.
La Juve ha scelto bene: nessuno meglio di Cavani potrebbe interpretare il ruolo di attaccante centrale nella squadra di Conte: ha più fisico di Quagliarella, e' più rapido di Borriello e Matri, sa coprire ed ha medie realizzative invidiabili. L'uomo perfetto, ma costa tanto e soprattutto gioca nel Napoli. Il presidente De Laurentiis ha fissato un prezzo quasi proibitivo (50 milioni), ma in realtà sa che Cavani è difficilmente sostituibile. Spia Muriel, ma non basterebbe a colmare il vuoto, anche affettivo, del popolo azzurro.

Un'altra cessione eccellente ai bianconeri sarebbe mal digerita dalla tifoseria, quindi se Cavani vuole proprio andar via, farà meglio a cercarsi una squadra in Premier o nella Liga.
Lontano dagli occhi, lontano dal cuore...vale anche in riva al Golfo di Napoli