135
La Juve è in difficoltà, poi entrano Bernardeschi e Morata, la partita cambia in un amen. Sono loro a "salvare" la Juve, che poi raddoppio con il sempre ottimo Chiesa e dilaga con Ronaldo nel finale. Restano alcune prove sottotono, mentre lo Spezia incassa tre reti ma non perde un grammo di credibilità. Queste le pagelle di Calciomercato.com.

Juventus-Spezia 3-0

Juventus 

Szczesny 7: gioca quasi da libero, non trema e a tempo scaduto para un rigore a Galabinov.

Danilo 6: ogni tanto qualche sbavatura c'è, ma nel complesso non delude mai

Demiral 6,5: reagisce alla pessima prova di Verona, comanda la difesa con personalità ma chiude al 94' con un intervento che il Var punisce con il rigore.

Alex Sandro 6: centrale puro, si adatta ma si vede che non è a suo agio.

Frabotta 5,5: De Ligt si ferma e allora tocca a lui, subito ammonito poi pasticcia sempre un po' troppo (16' st Bernardeschi 7: che sorpresa! Entra bene ed è subito decisivo, metà del gol di Morata è suo. E pure la rete di Chiesa è in parte sua)

Chiesa 7: ci prova sempre e comunque, altro gol di pura rabbia (27' st Ramsey 6: entra che la gara è chiusa)
Bentancur 6: ruba palla, poi la perde, poi sbaglia, poi si rialza...in confusione. Ma il break con assist per il 3-0 vale la sufficienza.

Rabiot 5,5: quando allunga lascia intendere che potrebbe inventare qualcosa di importante, ma illude e non mantiene le promesse.

McKennie 6: corsa e sacrificio, non è al meglio e si vede (16' st Morata 7: gli bastano pochi secondi per trovare il gol decisivo).

Kulusevski 6: prova a essere più propositivo, ma poi appare sempre troppo molle al momento opportuno (43' st Di Pardo sv).

Ronaldo 6,5: ha una palla buona nel primo tempo e colpisce in pieno la base del palo, per il resto finisce spesso per bisticciare col pallone e il cielo, ma non molla mai nemmeno in una serata così. E a ridosso del 90' trova il gol

All. Pirlo 6,5: perde pezzo dopo pezzo, ma non perde la calma. Lo Spezia gioca bene e crea parecchi grattacapi, alla fine la Juve vince e lo fa grazie al doppio cambio, appena effettuato.


Spezia 

Provedel 6: para il parabile, quando non ci arriva lo salva il palo una volta, poi è costretto a raccogliere la palla nel sacco.
Vignali 5: l'anello debole della difesa spezzina è lui.
Terzi 6,5: con esperienza e senso della posizione, finché lo Spezia tiene è soprattutto merito suo. 
Erlic 6: viene puntato ma non lascia ma il fianco ai bianconeri.
Marchizza 5,5: Chiesa è il peggior cliente possibile (40' st Bastoni sv).
Estevez 6,5: ritmo e creatività, a volte esagera ma si fa sentire. 
Sena 6: non un fulmine ma comunque positivo (40' st Agoumé sv).
Maggiore 6: leader, come tale gioca e trascina (27' st Acampora 6: uno spezzone di pura sostanza).
Gyasi 6: corsa e sacrificio, per Italiano è insostituibile. 
Nzola 6: fa reparto quasi da solo, che sportellate con Demiral (27' st Galabinov 5: sul 2-0 c'è poco da fare, a tempo scaduto spreca malamente un rigore).
Farias 5,5: ci prova e ci riprova, alla fine è il più pericoloso. Ma dopo un buon avvio poi sparisce (27' st Verde 6: dà segnali di vivacità).

All. Italiano 6: lo Spezia ha idee chiare e nessuna paura, questa volta non porta a casa punti ma lascia comunque la sensazione di essere una squadra vera e sempre interessante.