387
La peggiore partenza da 60 anni 
 
Niente da fare, la Juventus deve ancora rimandare per festeggiare la prima vittoria nel torneo.
Erano più di 60 anni che la Vecchia Signora non completava le prime 4 partite di campionato senza ottenere almeno un successo, davvero una partenza oscena.
Non è bastato alla Juve andare in vantaggio per l’ennesima volta in stagione, la squadra di Allegri continua a sembrare incapace di riuscire a mantenere un risultato ed è questo sicuramente il dato di fatto che fa più male in casa bianconera.
Non vincere contro il Milan ci può stare, farlo in questo modo però lascia sicuramente l’amaro in bocca perché la Juventus per oltre un tempo ha dominato in lungo e largo in campo senza però cercare mai fino in fondo con convinzione il colpo del KO.
Dopo il gol di Morata, vedendo la squadra di Pioli così in difficoltà, sarebbe stato assolutamente lecito attendersi una squadra più coraggiosa e volenterosa di chiudere la partita.
Invece come purtroppo troppo spesso capita nelle partite gestite ed indirizzate da Massimiliano Allegri, l’aver cercato di addormentare la gara nel secondo tempo arretrando il baricentro ha fatto rientrare il Milan in partita che dopo il gol del pareggio di Rebic ha addirittura rischiato di vincerla.
Sarebbe stato decisamente troppo, la grande parata di Szczesny su Kalulu nel finale ha evitato questa ingiustizia, ma questa mentalità difensiva non paga.

Guarda tutte le partite di Serie A TIM della Juventus su DAZN. 29,99 euro/mese. Attiva ora.
 
Altro che catenaccio!
 
Addirittura Allegri nel post-gara assumendosi le evidenti colpe ha puntato il dito contro le sue sostituzioni sbagliate perché secondo lui, contro un Milan privo dei suoi attaccanti titolari Ibrahimovic e Giroud, si sarebbe dovuto coprire ancora di più, ricorrendo praticamente al “catenaccio”. Se non l’avessimo sentito direttamente probabilmente non ci avremmo creduto.
Resta decisamente la sensazione di una squadra incompleta, di un gioco che tarda assolutamente a decollare così come di una classifica horror che vede la Juventus posizionata in zona retrocessione.
Che Allegri fosse arrugginito era anche lecito aspettarselo ma che partisse così male nemmeno il suo nemico più acerrimo avrebbe potuto ipotizzarlo. Ci fosse ancora Pirlo seduto sulla panchina bianconera oggi sicuramente se ne chiederebbe l’esonero a furor di popolo. 
@stefanodiscreti
Guarda tutte le partite di Serie A TIM della Juventus su DAZN. 29,99 euro/mese. Attiva ora.