Se non puoi batterli fatteli amici
 
In attesa di vedere ufficializzato il nome del nuovo allenatore bianconero (evento non più certo di avvenire nei prossimi giorni…) al termine di questa appassionante telenovela che sta tenendo i tifosi juventini (e non solo) con il fiato sospeso, la Juventus nel frattempo ovviamente non può restare a guardare sul mercato calciatori perché sa benissimo che per mantenere il vantaggio (netto) a disposizione nel campionato italiano non deve cullarsi sugli allori, soprattutto adesso che l’Inter di Marotta ha ingaggiato l’ex Antonio Conte.

L’accoppiata Marotta-Conte, che tanto bene ha fatto ai tempi della Juve, ha tutto per replicare i risultati sportivi anche in neroazzurro. 

L’Inter questo lo sa ed è proprio per questo che ha fatto suo uno dei motti più abusati di sempre, attribuito addirittura all’Imperatore Giulio Cesare, “se non puoi sconfiggere il tuo nemico, fattelo amico”.

La squadra di Zhang, indebolita dai ripetuti insuccessi di questi anni e dalla grande frustrazione di vedere sempre i “nemici” della squadra bianconera trionfare ha capito che non aveva altra alternativa se non quella di “copiare” per tornare ad esser davvero competitiva. Un po’ come si faceva a scuola, quando per esser certi di passare una prova si copiava dai migliori, dai “secchioni”.

La nuova Inter se confermerà le prime sensazioni positive e si muoverà bene sul mercato come sembra stia facendo adesso diventerà automaticamente l’antagonista numero 1 in campionato per la Juventus.
 
Chiesa, il primo derby d’Italia è della Juve!
 
Anche per questo, come riportato e confermato da più parti, è importante che la dirigenza  bianconera abbia anticipato quella neroazzurra in merito alla corsa verso l’attuale talento italiano più ambito, quel Federico Chiesa, figlio d’arte, che tanto bene sta facendo in questi anni sia in Nazionale che con la maglia della Fiorentina seppur giovanissimo. 

Il calciatore classe 1997 (22 anni ancora da compiere) è indubbiamente un giocatore di grande prospettiva e futuro ed ha tutto per migliorare e crescere ulteriormente nei prossimi anni.

Dove potrebbe giocare nella Juventus?
A prescindere da chi sarà il nuovo allenatore bianconero nella prossima stagione, l’ipotesi tridente offensivo è quella più logica.

Dando per scontata la titolarità di Cristiano Ronaldo, Federico Chiesa potrebbe costituire insieme a lui una combo perfetta, variabile a seconda del terzo nome a completamento del puzzle d'attacco.

Se il terzo elemento fosse ad esempio Douglas Costa, Chiesa in questo potenziale tridente potrebbe giocare indistintamente su entrambe le fasce alternandosi con il brasiliano con CR7 schierato da falso nueve.

Se invece fosse Dybala a giocare nel ruolo di falso nueve, Ronaldo preferirebbe agire sulla sinistra come tante volte fatto nel corso dell’attuale campionato per lasciare lo spazio centrale a Mandzukic, riservando quindi a Chiesa come posizione principale il lato destro.

Diciamo che, come sembra sempre più probabile, potrebbe essere allora il naturale sostituto di Cuadrado che tanto ha fatto bene alla Juventus in questi anni ma che adesso sembra aver manifestato la volontà di andare a trovare spazio altrove; e visto che anche la posizione di Mandzukic appare tutt’altro che scontata, nonostante il rinnovo, l’attacco bianconero l’anno prossimo potrebbe presentare davvero grandi novità, tecniche e tattiche.

La concorrenza lì davanti appare agguerrita, di livello assoluto. Senza dimenticare il possibile rientro di Higuain e la posizione che potrebbe avere Bernardeschi in campo a seconda del modulo di gioco scelto dal nuovo Mister.
Chi più ne ha più ne metta.

L’importante, nel frattempo, è aver dimostrato già (a prescindere dal fatto se Chiesa vestirà o meno la maglia bianconera) che la dirigenza bianconera non si rilassa mai ma sta sempre sul pezzo.

Il segreto del successo della Juventus è anche e soprattutto questo, quello di non rilassarsi mai. E chissà che all’Inter, in futuro, non cerchino di “copiare” anche questo.

@stefanodiscreti