189
Lo Stadium non fa più paura
 
Un’altra partita casalinga imbarazzante dei bianconeri nella stagione assolutamente sottotono dell’Allegri Bis.
Per l’ennesima volta la squadra juventina per quasi un’ora non ha praticamente mai tirato in porta giocando sotto ritmo contro un avversario tutt’altro che eccezionale.
Onore al Bologna che è venuto a Torino a giocarsela alla pari ma vedere una Juve che nonostante il parco attaccanti a disposizione non crei occasioni da goal fa davvero riflettere, fa male.
C’è un dato che più di tutti risalta agli occhi.
In 17 partite casalinghe disputate nel campionato 2021/2022 la Vecchia Signora ha realizzato solamente 21 gol, poco più di 1 gol a partita. Una media realizzativa quasi da squadra che lotta per non retrocedere.
E’ evidente che Allegri deve cambiare, deve rinnovarsi perché così non si va lontano.
I due anni fermo ai box gli hanno fatto evidentemente male.
Un tempo lo Stadium era il vero valore aggiunto della Juventus, oggi invece non mette più paura a nessuno.
 
Mister o ti rinnovi o ripartirà l'#AllegriOut
Colpa anche di un modo di intendere la partita, il corto muso, ormai totalmente inadeguato nel calcio contemporaneo.
Se qualcuno, come il sottoscritto, ha avuto la sfortuna di seguire in sequenza prima Manchester City – Liverpool e poi Juventus – Bologna si sarà sicuramente posto la domanda “ma è lo stesso sport?”.
Non lamentiamoci poi della crisi del calcio italiano, del perché per 2 edizioni consecutive siamo vergognosamente fuori dai mondiali e del perché le italiane in Europa non vincono più nulla da un’eternità.
Se non ci cambia questa mentalità del risultato prima di tutto, dell’attesa a fare la partita anche quando si è nettamente superiori rispetto all'avversario di turno, del prima di tutte non prenderle, difficilmente si potrà invertire questa triste tendenza.
Una tendenza che sicuramente coinvolge Allegri che deve necessariamente rinnovarsi, deve fare tesoro dei suoi tantissimi errori commessi durante tutto l’anno perché sennò si ripartirà con l'#AllegriOut e stavolta poi non ci sarà un’altra occasione per rifarsi.
Non è possibile comprare in corso di stagione il miglior attaccante del campionato, Dusan Vlahovic (l’ultimo ad arrendersi anche stavolta) e vedergli fare il primo tiro verso la porta avversaria solo quando questi ultimi sono rimasti in 9 uomini.
Bisogna osare, creare un’identità di gioco, darsi un tono inequivocabile, di distinzione.
Non ci si può nemmeno giustificare dietro l’ennesimo arbitraggio incomprensibile.
Questa Juve ha una rosa ed un parco attaccanti che merita di offrire ai suoi tifosi uno spettacolo decisamente migliore.
 
Bentornato Alex
 
La cosa più bella ed emozionante per i tifosi bianconeri capitata in Juventus – Bologna è stata infatti senza dubbio il ritorno allo Stadium di Alessandro Del Piero, idolo indiscusso e capitano mai dimenticato.
Chissà che proprio da un ritorno in veste ufficiale di Alex in mezzo al suo popolo non rinasca un nuovo ciclo bianconero, con o senza Allegri.
Un’altra stagione così negativa, nettamente peggiore di quelle precedenti, non sarà tollerabile.
Allegri, è arrivato il momento di rinnovarsi. Con o senza il ritorno di Del Piero.
Buona Pasqua a tutti.
@stefanodiscreti