88
Signora 1 a 0
 
La quarta vittoria consecutiva bianconera per una rete a zero consente alla Juventus di ipotecare il passaggio del turno con largo anticipo.
Non è stata una bella partita quella disputata contro lo Zenit San Pietroburgo anzi probabilmente una delle peggiori in assoluto della stagione bianconera però sono arrivati i tre, fondamentali, punti che mantengono la Vecchia Signora prima in classifica nel girone a punteggio pieno.
La nota migliore della serata è sicuramente la quarta partita consecutiva terminata senza subire goal, segno inequivocabile di una ritrovata stabilità difensiva su cui Allegri sta ricostruendo la compagine juventina; il “corto muso” continua a funzionare e d’altronde in questo momento probabilmente non si potrebbe davvero chiedere di più alla squadra juventina.
 
De Sciglio assist man
 
Decisivo ancora una volta, per la seconda partita consecutiva, De Sciglio in versione assist man.
Il cross con cui manda in gol il ritrovato Kulusevski è praticamente la fotocopia dell’azione che già contro la Roma era stata determinante per il gol partita di Kean.
Il terzino bianconero si sta levando qualche bel sassolino dagli scarpini soprattutto nei confronti di quei critici che nel corso degli anni non gli hanno praticamente mai risparmiato critiche, a volte anche davvero ingenerose.
Davvero una bella soddisfazione per quello che Allegri considera da sempre un suo fedelissimo.
Poteva finire 0 a 0 la partita, così come sarebbero potute finire in parità anche le precedenti gare contro Chelsea, Torino e Roma ma in questo momento la squadra juventina sembra attraversare un momento magico dove alla fine la giocata del singolo riesce sempre a fare la differenza.

Inter spartiacque della stagione
 
Basterà, nel prossimo turno europeo, un pareggio contro lo Zenit nella gara di ritorno per ottenere il passaggio agli ottavi di finale con due turni di anticipo con vista anche sul primo posto nel girone ai danni del Chelsea campione d’Europa in carica ed è proprio quest’ultima cosa a stupire in positivo più di tutte rispetto ai pronostici estivi.
La sensazione però, dopo aver finalmente ritrovato la quadratura del cerchio e quei risultati che ad inizio stagione tardavano ad arrivare, che per recuperare terreno anche in Campionato adesso servirà necessariamente alzare il livello del gioco.
Vincere con un solo goal di scarto può essere sicuramente una bella consuetudine su cui però non bisogna assolutamente sedersi.
L’impressione è quindi che la prossima gara di campionato a San Siro contro l’Inter campione d’Italia in carica possa rappresentare per la squadra bianconera un vero spartiacque della stagione.
La compagine juventina è evidentemente in crescita però se vuole tornare a recuperare posizioni importanti anche in Serie A dovrà assolutamente migliorare la qualità del gioco.
Continuando a produrre così poco in termini di azioni offensive, pur subendo poco o nulla in difesa, il rischio di incappare in nuovi stop in futuro è forte, troppo forte.
Serve quindi necessariamente cominciare a chiudere le partite con più intraprendenza, forza fisica e tattica, nonché concretezza sotto porta.
E questo lo si potrà ottenere solamente migliorando la qualità del gioco espresso, cosa che potrebbe anche arrivare in modo naturale recuperando man mano tutte le pedine importanti assenti in quest’ultimo periodo, Dybala su tutti.
Allegri, dopo l’avvio shock, ha avuto il grandissimo merito di ritrovare la stabilità difensiva su cui costruire questa mini riscossa.
Una volta cementata la solidità della difesa, vero punto di forza dei bianconeri negli anni passati, però adesso bisogna assolutamente alzare il baricentro della squadra, cominciando a produrre più occasioni da goal attraverso un gioco corale.
La Juve è definitivamente guarita, l’avevamo già scritto dopo la vittoria contro la Roma, ma per tornare a spaventare le rivali anche in Italia dovrà necessariamente passare da un risultato positivo a Milano domenica prossima. Senza se senza ma.
Con gli ottavi di finali di Champions largamente ipotecati, il tempo per concentrarsi nella rimonta in Serie A adesso c’è davvero tutto.
Non resta quindi che godersi la sfida contro l’Inter che molto ci dirà davvero sulle reali ambizioni della Juve di Allegri.
 
@stefanodiscreti