39

La vittoria nel recupero ha regalato altri tre punti di vantaggio alla Juventus, ora a +9 sul Napoli in classifica. Antonio Conte parlando ai microfoni di Sky e Mediaset Premium ha sottolineato quanto sia importante non distrarsi proprio ora che il traguardo è vicino: "Non c'è nulla da gestire, ora penseremo alla gara del prossimo week-end contro il Bologna. Non bisogna fare calcoli, scendiamo in campo sempre per vincere e sarà così anche al Dall'Ara. Fa piacere avere nove punti di vantaggio sul Napoli, ma mancano dieci gare alla fine e ancora nulla è deciso".

Analizzando la prestazione di Pogba ha esortato il giovane francese a continuare a lavorare duramente: "Nel primo tempo non ha fatto bene, poi nella ripresa ha iniziato a fare quello che gli chiedevo. Deve continuare a lavorare a testa bassa come fanno giocatori più affermati di lui, fin qui non ha ancora vinto niente".

L'allenatore bianconero ha avuto anche parole di elogio nei confronti della rivelazione del campionato, il Catania:  "E' stato un successo difficile, abbiamo faticato a trovare gli spazi. Abbiamo battuto la rivelazione del campionato, complimenti al Catania perché è una squadra con grandi calciatori".

In chiusura spazio anche alla Champions League in cui Conte si è detto tranquillo in vista del sorteggio:  "Sono fatalista, attendo senza ansia il sorteggio. Siamo tra le prime otto squadre d'Europa, siamo soddisfatti ma dobbiamo continuare a lavorare per fare sempre meglio".

Interrogato sulla sfida del Milan con il Barcellona, ha dichiarato di sperare che i rossoneri si qualifichino per permettere all'Italia di ottenere punti nel ranking Uefa.

Infine, a Cielo, Conte commenta: "Il campionato non è finito, mancano dieci partite ma stiamo facendo molto bene. Siamo ai quarti di finale di Champions, sono contento per me, per la squadra, per la società ed i tifosi, stiamo facendo cose straordinarie. Se rimango? Si, senza dubbio".