Massimiliano Allegri parla in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro il Genoa. Vincendo la Juventus diventerebbe la terza squadra in Serie A ad aver vinto le prime nove partite giocate (Juventus 2005/06 e Roma 2013/14),  come ricorda l'infografica #ubibanca #tifareperbene. Dopo l'incontro di domani i bianconeri saranno impegnati in Champions League contro il Manchester United ad Old Trafford. Segui le parole di Allegri in diretta.



CONDIZIONI ROSA - "Stanno bene, a qualcuno manca un po' di minutaggio, Spinazzola ha fatto 50 minuti in amichevole ma non è pronto per il campionato. Douglas Costa non gioca una partita da due mesi, Khedira è l'unico fuori speriamo di riaverlo per Empoli o il ritorno con lo United". 

DYBALA - "Può giocare, devo vedere la situazione oggi e valutare le condizioni dei centrocampisti e di conseguenza sceglierò gli uomini d'attacco. L'unico che riposa di certo domani è Chiellini."

RECORD - "Questi momenti sono pericolosi per noi. Arriviamo da 10 vittorie e della sosta. Tutti dicono che la Juve vincerà tutte le partite di campionato e Champions da qui a giugno ma non è così. Negli ultimi 4 anni la Juve allo Stadium ha battuto il Genoa solo 1-0. Dobbiamo mantenere profilo basso e pensare partita per partita. Ora abbiamo sei partite, due in Champions dove ci giochiamo il passaggio del turno e poi in campionato dove sulla carta possiamo rubare dei punti. La nostra vittoria domani ci può far guadagnare punti su una tra Inter e Milan e mettere pressione sul Napoli. Non abbiamo già vinto le partite prima di giocarle. Dobbiamo rientrare dentro il campionato con la giusta attenzione perché la prima dopo la sosta è la più pericolosa."

ITALIA - "In Italia si dice che non ci sono giocatori e invece bisogna guardare al positivo. La Nazionale ha fatto bene con la Polonia e con l'Ucraina, vincendo la partita e giocando bene. Ci siamo abituati a sentir dire che non abbiamo buoni giocatori in Italia e alla fine qualcuno ci ha creduto. Come quando ti ripetono sempre che sei un cretino, anche se credi di non esserlo, alla fine ci credi."

DE SCIGLIO - "Se gioca, gioca a sinistra. Alex Sandro non ha giocato l'ultima in nazionale ed è abbastanza riposato, ieri ha fatto un buon allenamento. Oggi abbiamo la rifinitura, vediamo."

COMPLIMENTI - "Il calcio è una cosa molto pratica e per vincere le partite ci vuole corsa e testa, la tecnica ce l'abbiamo. Non dobbiamo pensare ai complimenti."

RONALDO - "Cristiano è molto sereno, sta lavorando bene. Le accuse sono cose personali a cui non devo rispondere. Cristiano si è inserito negli schemi con umiltà, ha portato ancor più senso di responsabilità che questa squadra ha sempre avuto. Poi fa gol che è la cosa che sa far meglio oltre agli assist."

PIATEK - "E' una sorpresa, un catalizzatore di palloni d'entro l'area. Il Genoa di Juric non lo abbiamo mai visto, sarà una sorpresa anche se non sarà diversa da quando l'allenava. Giocano quasi a uomo a tutto campo ci vorrà una partita fisica."

KEAN - "Sta diventando più responsabile per l'età che ha, per le caratteristiche che ha è il centravanti della Juve dopo Mandzukic."

SZCZESNY - "Domani gioca lui e non Perin, che però sta facendo bene e tornerà a giocare."

DOUGLAS COSTA - "Avrà mezz'ora nelle gambe, più facile vederlo a gara in corso. Gli manca minutaggio."

GRAVINA - "La priorità è quella di fare. Nella vita c'è solo da fare, tutti parlano ma ora c'è da fare. Questo nuovo corso deve solo fare per investire sul futuro del calcio e della società italiana, sui bambini. Dovranno organizzarsi con delle idee, senza mandare i missili sulla luna, facendo cose semplici."

BENTANCUR - "Da mezzala ha fatto bene, in questo momento è più adatto in quella posizione con Can davanti alla difesa, può giocare anche a due nei due mediani".