Keita Baldé, attaccante dell'Inter, ha parlato a Tuttosport dei suoi primi mesi in nerazzurro e del futuro: "Finora sono al 60-70%, il meglio lo dovete ancora vedere. L'Inter mi deve riscattare perché farebbe un affare. Ho entusiasmo come il nostro presidente e voglio aiutare la squadra a crescere".

DALLA CHAMPIONS ALL'EUROPA - "L'eliminazione col Psv? È stato un grande peccato, volevamo tutti la qualificazione, ma è andata così. Il calcio però permette ogni weekend di voltare pagina, ci sono nuove opportunità e bisogna guarda avanti. L'Europa League è una competizione da non buttare, è importantissima, è una vetrina. Dopo l'eliminazione dalla Champions, come società e squadra, ma anche per la storia del club, dobbiamo puntare a vincere il trofeo".

SULLA JUVE - "La Juve è una società molto forte e ha una squadra altrettanto importante, lo sappiamo, ma anche l'Inter lo è. Loro vincono da tanti anni e questo ha fatto crescere molto la loro mentalità, ormai in Italia sono tutti abituati a darla per campione d'Italia a dicembre, ma il campionato è ancora aperto e mancano tante giornate".