68
Fosse per Luciano Spalletti, rimarrebbe al Napoli al cento per cento. Fosse per Aurelio De Laurentiis, probabilmente sarebbe ceduto per una cifra vicina ai 100 milioni di euro. Fosse per lui, Kalidou Koulibaly, proverebbe volentieri una nuova avventura, lontano dalla Serie A, in un top club che possa permettergli di competere ai massimi livelli. Dopo due/tre anni in cui il suo nome è stato sul taccuino di tutti i dirigenti delle migliori società d'Europa, per il difensore senegalese questa potrebbe essere l'estate del definitivo salto di qualità. I problemi economici legati alla crisi post Covid 19 che ha investito tutto il mondo si scontrano però con la sua idea. Così come le mosse di tante squadre.

GIRO D'EUROPA - Il Paris Saint-Germain, che in passato si era interessato a K2, ha infatti deciso di puntare sullo svincolato Sergio Ramos per rinforzare la difesa. E anche le due di Manchester sembrano avere altri piani: il City, dopo anni di investimenti multimilionari sui centrali, sembra aver trovato un equilibrio con Stones e Ruben Dias; lo United, dall'altra parte, sta cercando di strappare al Real Madrid Raphael Varane. Difficile, a oggi, che da questi club arrivino così delle offerte al Napoli, mentre chi prenderebbe volentieri Koulibaly, come l'Everton, non ha la potenza economica per arrivare alle cifre richieste dal Napoli. Che, così, aspetta insieme al suo gigante. Sapendo che, a meno di clamorose sorprese, è probabile che passi un'altra estate di voci e interessamenti senza che le due strade si separino.