8
Dopo l'individuazione nella giornata di ieri del relitto del Piper precipatato nel Canale della Manica, sul quale viaggiavano l'attaccante argentino Emiliano e il pilota inglese David Ibbotson, torna a parlare il capo della squadra incaricato dalla famiglia del calciatore della ricerca, David Mearns: "I costi del recupero dell'aereo sono alti, è vero, ma che importanza ha il denaro rispetto al desiderio di due famiglie di avere giustizia? Riuscire a recuperare i resti può essere utile a trovare indizi su quello che è successo", ha dichiarato a L'Equipe.

Mearns ha spiegato che le ricerche proseguiranno per i prossimi tre giorni e successivamente verrà deciso se recuperare il velivolo, all'interno del quale sarebbe stato individuato un corpo. Nel frattempo, infiamma la polemica dopo le parole rilasciate ad America Noticias dall'amico di Sala, Maximiliano Duarte: "C'è un colpevole in questa storia, visto che Emiliano non avrebbe mai voluto salire su quell'aereo. E' stato obbligato a partire quella sera, anch'io gli avevo consigliato di lasciar perdere, viste le condizioni atmosferiche". Il riferimento di Duarte sarebbe all'agente Willie McKay, che avrebbe organizzato l'ultimo viaggio di Sala da Nantes a Cardiff a bordo di un Piper Malibu.