95
Prima il prodotto del vivaio che da anni è in pianta stabile in Prima Squadra. Poi il figlio d'arte che ha sempre gli occhi puntati addosso. Per terzo il 2000 acquistato dal Lione, che ha fatto arrabbiare tutta Francia. Infine lui, quello che da bambino indossava una maglia numero 9 rossonera un po' troppo larga, coi capelli lunghi e spettinati, e che ora, invece, quella stessa maglia, solo un po' più pesante, se la ritrova attaccata a un corpo definito in ogni muscolo. Lorenzo Colombo, sabato sera, ha chiuso la sfida tra Milan e Monza con un gioiello di forza e precisione: controllo, sinistro potente e preciso sotto l'incrocio dei pali ben al di fuori dei 16 metri, e gol da urlo. Ma non è finita qua. Nella sfida contro il Vicenza, il 2002 realizza il gol del 2-0, da bomber d'area di rigore, trasformando lo sporco in gol: senza Ibra, a svolgere un lavoro personalizzato e già concordato, l'attacco è stato tutto suo. E Maldini e Massara se lo coccolano. 

IL RINNOVO - Nove gol in sei gare nel campionato di Primavera 2, nel mezzo un infortunio al piede che gli ha fatto saltare il Mondiale ma non la voglia di lottare per realizzare un sogno. Sogno che si è avverato con il debutto contro la Juve in Coppa Italia, dove ha toccato due soli palloni ma ha respirato aria di grande calcio. E di calcio dei grandi. Quello in cui vuole stare, il Milan lo sa bene, tanto che si è affrettato a rinnovargli il contratto: il 25 giugno è arrivato il prolungamento fino al 2024, per culminare una storia iniziata tanto tempo. 

PERICOLO ESTERO - Batistuta come idolo calcistico, LeBron James come beniamino cestistico, Lorenzo Colombo, classe 2002, è stato cercato da diversi club inglesi e da più di 10 club di Serie B prima di firmare il suo rinnovo con il Milan. Tanti, nella storia del calcio italiano, sono i giovani che hanno salutato il proprio paese per andare a cercare fortuna all'estero da giovanissimi: da Dalla Bona al Chelsea e Macheda al Manchester United a Scamacca al PSV Eindhoven, giusto per citarne qualcuno. Più remoto, invece, l'interessamento del Borussia Dortmund, che era venuto a vederlo quando era un ragazzino. Ma Colombo, alla fine, è rimasto al Milan. Che ha un piano ben preciso. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

#batigol #idol #LC

Un post condiviso da Lorenzo Colombo (@lorenzo.colombo29) in data:

SPAZIO IN PRIMA SQUADRA - Stella della Primavera, tornata nel massimo campionato dopo un anno di purgatorio in Primavera 2, ma anche apprendista, pronto a crescere, giorno dopo giorno, insieme ai giocatori della Prima Squadra, imparando da Zlatan Ibrahimovic, che sta facendo da chioccia ai tanti giovani in rampa di lancio, ma trovare anche spazio, minuto. Perché il Milan vuole credere nei suoi giovani, affiancati ai grandi vecchi. Un passato, un presente e un futuro rossonero per il gioiellino 18enne. Che nel frattempo impara. Facendo gol così. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

If you can dream it, you can do it . . #acmilan #nike #nikefoootball #dreamscometrue #friendlymatch #milanmonza #loveit #LC29

Un post condiviso da Lorenzo Colombo (@lorenzo.colombo29) in data:

 

@AngeTaglieri88