106
Negli ultimi anni il fantacalcio è diventato il passatempo preferito di tanti sportivi e appassionati di calcio, che ogni estate si trasformano in direttori sportivi e durante la stagione, di giornata in giornata, siedono su una panchina immaginaria per cercare di mandare in campo gli undici giocatori in grado di fargli vincere le sfide con gli amici nelle leghe private. Trionfi che portano gloria, ma non solo, come dimostra la storia di Alessandro Furnari, eletto alla Camera dei Deputati tra le fila del Movimento 5 Stelle e passato poi al Gruppo Misto, vero campione di fantacalcio.

QUANTI PREMI - A raccontare la sua storia è Repubblica, che sottolinea come, in aula, Furnari si faccia spesso trovare col capo chino a scrivere numeri e prendere appunti sui calciatori. "Sono pluricampione italiano di fantacalcio", il suo commento. "Ho vinto premi per centinaia di migliaia di euro, sono un professionista". Nella sua carriera da fantallenatore, l'ex grillino ha collezionato due auto, decine di computer, tv da 32 e 64 pollici, tablet, cellulari e consolle per videogiochi. E adesso punta a una Jaguar.
FANTACAMPIONE IN AULA - La curiosa passione di Furnari è stata notata anche da Pino Pisicchio, anch'egli deputato appartenente al Gruppo Misto: "A volte capitava di non vederlo durante qualche seduta a metà settimana, poi ho capito che succedeva quando c'era il turno infrasettimanale di Serie A. Rinuncia alla diaria, ma ha un ristoro assai più significativo". Le assenze di Furnari dalle sedute della Camera, secondo OpenPolis, arrivano al 38% e uno dei motivi è proprio il fantacalcio: "Quando sono entrato in Parlamento ho smesso per mancanza di tempo, ma ora ho ripreso. E quest'anno me la gioco, sono nella top ten nazionale. Ho iniziato nel 2002 e sono diventato subito campione nazionale, due volte in tutto. La prima nel 2003, quando ho vinto un'auto. La seconda nel 2007, in un mini torneo da sei partite: il premio era una moto. Vinco premi tutti gli anni".