Commenta per primo

'L'errore sulla vicenda Montolivo è stato fatto dalla società la scorsa stagione, quando, a due anni di scadenza dal contratto, non ha fatto rinnovare il centrocampista ex Atalanta, portandolo adesso, a quasi un anno dal termine dell'attuale vincolo con la Fiorentina, ad una situazione che non può che penalizzare il club. La società viola infatti ha meno potere sul giocatore che, anche se trattenuto a forza la prossima estate, poi in quella successiva si svincolerebbe a parametro zero'.

L'ex centrocampista della Fiorentina Massimo Orlando, ospite negli studi di Lady Radio, parla del capitano gigliato, al centro del dibattito per un contratto in scadenza fra poco meno di 18 mesi. 'Che il giocatore sia cercato da Bayern, dal Milan, e dall'Inter, vuol dire che Montolivo è un elemento di livello e merita di giocare in un club che lotta per obiettivi importanti - ha aggiunto il 39enne di San Donà di Piave -. A meno che tu non vada a prendere Gerrard, Fabregas o roba simile, non capisco come la Fiorentina possa pensare di sostituire il suo attuale capitano con un elemento di pari livello, nel caso cedesse Montolivo a fine stagione. Non considero il capitano gigliato un fenomeno, ma per il target della Fiorentina, nel suo ruolo, è un'eccellenza. A Montolivo imputo di mancare sempre in qualcosa in fase offensiva, visto la qualità che ha nelle sue doti, ma a parte questa stagione, dove non è giudicabile a pieno alla luce dei problemi fisici, se ripenso a quello visto fino al termine del passato campionato, ha raggiunto un livello di maturità eccezionale'.