91
Gentile Procuratore,

c'è qualcosa che non va nel calcio italiano. Scrivo d'impulso questa email avendo appena appreso - con grande gioia - che Stefano Sensi ha firmato con l'Inter. Sensi, calciatore di un metro e 68 cm, non troppo utilizzato dal Sassuolo, ora vestirà la maglia neroazzurra: davvero una bella storia! Mio figlio, invece, alto 1 metro e 69 cm (un centimetro in più!) non riesce a trovare squadra in serie D perché ritenuto troppo basso per la categoria. E' un centrocampista, proprio come Sensi. Non avrà i piedi e la tecnica del nuovo calciatore dell'Inter, ma per essere un classe 2001 non è neanche da buttare via. Ha un cv di tutto rispetto, giovanili in serie C per finire a giocare in un campionato Juniores in serie D dove risulta vincolato fino a 25 anni. Il nostro problema è questo: il ragazzo non rientra nei piani della prima squadra perché ritenuto "basso", ma potrà continuare a giocare nel campionato juniores allenandosi qualche volta - grande concessione! - con la prima squadra. Io non ci sto! Mio figlio merita di più! Come facciamo a svincolarci? A chi devo rivolgermi? Ettore '61


Gentile Ettore, 
i protagonisti di questo inizio di calciomercato non sono giganti in altezza! Oltre a Sensi da lei citato, anche Nicolò Barella
(1 metro e 72 cm) è al centro di diverse trattative milionarie. La Nazionale di Mancini aveva già dato segnali precisi nella stessa direzione (5 calciatori di meno di un metro e '75 schierati in campo!), così come i primi movimenti di mercato di questo rovente mese di luglio sembrano privilegiare i calciatori bassi di statura. E' cambiato il vento, finalmente! Devono giocare i calciatori dotati tecnicamente a prescindere dalla loro altezza e struttura fisica! Sono pienamente d'accordo con lei se il motivo per il quale suo figlio è stato escluso dalla prima squadra dipenda solo dall'altezza, ma non avendo la possibilità di confrontarmi con i tecnici della squadra in cui milita il ragazzo non posso neanche pendere completamente dalla sua parte. Pochi o molti che siano i centimetri occorre valutare i calciatori sulla base di diversi parametri, quali i tempi di gioco, la tecnica in velocità, la duttilità tattica, le caratteristiche caratteriali, ecc. 

Non siete contenti del trattamento riservato al giovane calciatore? Volete fuggire dalla società presso la quale è vincolato fino a 25 anni? Ebbene, questo è il vero problema perché le normative federali non consentono agevoli vie di fuga! Consiglio di parlare con la società e di tentare di trovare una soluzione che accontenti entrambe le parti: es. partite nel settore giovanile con qualche apparizione in prima squadra...poi se il ragazzo lo meriterà troverà certamente sempre più spazio, a prescindere dai centimetri, pochi o tanti che siano!

Ma ora passo la palla agli utenti di calciomercato.com lanciando un quesito provocatorio: secondo voi Sensi sarà davvero un protagonista della nuova Inter o, nelle partite più "fisiche", potrebbe essere relegato in panchina da Conte?

Per scrivere all'Avvocato Cataliotti utilizza lo spazio dedicato ai commenti, oppure vai su www.footballworkshop.it