184
Un incontro lungo per toccare tutti i punti. Beppe Marotta e Piero Ausilio si sono seduti al tavolino con Silvano Martina, procuratore di Padelli, ma anche intermediario per l’Italia di Edin Dzeko, attaccante che l’Inter insegue da anni. Per il portiere si va avanti nei dialoghi, l’Inter vuole rinnovare il suo contratto di un ulteriore anno, ma offrendogli il ruolo che era stato di Berni, cioè di terzo portiere, alle spalle di Handanovic e probabilmente di Radu.

L'INTER PENSA ANCORA A DZEKO - Il discorso si è poi spostato sul centravanti bosniaco, perché l’Inter non ha smesso di pensare a Edin Dzeko, nonostante con la Juventus i discorsi siano molto avanzati. Ma a rallentare il tutto c’è l’alta richiesta del Napoli, che per lasciar partire Milik verso la capitale ha chiesto 20 milioni di euro più Under e Riccardi. A queste cifre l’operazione non si fa e l’Inter vuole capire se c’è ancora margine per inserirsi, anche perché la valutazione della Roma per Edin Dzeko è lontana da quella di 20 milioni avanzata la scorsa estate. Adesso la valutazione di Dzeko si aggira tra i 12 e i 13 milioni di euro.
LA RICHIESTA DI CONTE - L’Inter si sta informando e ha parlato chiaro: vogliamo iscriverci alla corsa ma possiamo permettercelo solo ed esclusivamente se dovesse partire Lautaro Martinez. Solo con l’addio dell’argentino, infatti, i nerazzurri avrebbero la liquidità per andare su Dzeko, calciatore che Antonio Conte richiede sempre con grande forza, anche dodici mesi dopo.