405
Sono ore caldissime in casa Inter, con la cessione di Romelu Lukaku al Chelsea che è ormai indirizzata e si concluderà molto probabilmente lunedì. Domani l'attaccante belga non prenderà parte alla sfida amichevole contro il Parma, ulteriore indizio – qualora ce ne fosse bisogno – che mancano soltanto gli ultimi dettagli per concludere la sua cessione. Deve soltanto essere formalizzato l'ultimo rilancio dei Blues, che verrà accettato dall'Inter dopo aver rifiutato i 100 milioni più Marcos Alonso della prima offerta. Alla fine l'operazione ammonterà a 115 milioni di euro e nessuna contropartita tecnica inserita nell'affare. Lukaku andrà a percepire uno stipendio di 12 milioni di euro netti più bonus a stagione, un'offerta irrinunciabile per lui e per i nerazzurri. Marotta e Ausilio studiano già il piano per sostituire Big Rom, con l'idea di non fermarsi a prendere solamente un attaccante ma ben due, ovvero Zapata e un'occasione che potrebbe essere Dzeko.

LA STRATEGIA – Quella di Lukaku sarà indubbiamente una cessione dolorosa, ma la dirigenza nerazzurra farà il possibile per acquistare giocatori importanti che possano, almeno in parte, sostituirlo. E il nome principale in cima alla lista dei candidati rimane quello di Duvan Zapata, sceso in campo nella sconfitta in amichevole dell'Atalanta contro il West Ham sfiorando anche il gol. La richiesta della Dea per il suo goleador è di 40 milioni di euro, una cifra importante ma che non sembra un ostacolo nei piani di Marotta e Ausilio. Ma la volontà è quella di non fermarsi solo al colombiano e affiancargli anche Edin Dzeko, accostato più volte all'Inter anche nelle passate sessioni di mercato. Secondo quanto appreso da calciomercato.com, prima di Betis-Roma c'è stato un colloquio tra Fienga e Pinto in cui è stato preso in considerazione il possibile addio del bosniaco, che spinge per trasferirsi a Milano. Prima la Roma, però, vorrebbe trovare già il possibile erede. Il bosniaco non è nemmeno entrato nell'amichevole con gli spagnoli.
DUE SOSTITUTIZapata e Dzeko andrebbero così a sostituire Lukaku, due attaccanti al posto di uno. Se per il primo ci sarà da formalizzare la giusta offerta all'Atalanta, per il bosniaco invece ci sarebbe da convincere lui e la Roma. Dzeko potrebbe essere quindi il tassello giusto per completare l'attacco nerazzurro, con Lautaro, Sanchez e l'acquisto di Zapata. Vlahovic è difficilissimo da raggiungere per le richieste della Fiorentina, stesso discorso per il Tucu Correa, pupillo di Inzaghi, che Lotito valuta almeno 40 milioni di euro. Scamacca rappresenta un'opzione interessante per potenziale, ma Marotta e Ausilio preferirebbero andare su un profilo esperto come il bosniaco, nel caso in cui dovesse liberarsi a zero con la Roma. Aspettando la partenza di Lukaku, l'Inter vuole sostituirlo nel migliore dei modi: Zapata più Dzeko rappresentano il piano ideale per farlo.