Ci sono strategie di mercato che nascono nell'ombra, da una semplice mossa. Non è un mistero che le società italiane e francesi stiano monitorando le prestazioni di Jordan Veretout, da un anno e mezzo fulcro del centrocampo della Fiorentina. Dopo una stagione da record al primo colpo - con dieci reti complessive siglate - il transalpino è già a quota tre gol e sta confezionando prestazioni di livello anche davanti alla difesa, nel nuovo ruolo cucitogli addosso da Stefano Pioli.

CAMBIAMENTO - Il centrocampista ha cambiato agente, passando dalla procura di Fabrice Picot a quella di Mario Giuffredi. Quest'ultimo cura già gli interessi di altri due giocatori gigliati, arrivati grazie all'amicizia con Corvino: Cristiano Biraghi e Vincent Laurini. Il dirigente viola, specialmente in ambito di partenze, è solito amministrare con i propri rappresentanti di fiducia, vedi la permanenza fino al termine del contratto di Milan Badelj dopo il cambio da Joksimovic a Lucci. OCCHIO NERAZZURRO - Sarà per la lista UEFA, sarà per alzare il livello, ma l'Inter puntava Veretout - e lo stesso Biraghi - prima e lo farà anche con Marotta al timone. Il cambio di agente, in questo caso, può aprire due scenari: un'intesa, magari durante la trattativa per Federico Chiesa, per uno dei due, oppure un pacchetto contenente centrocampista e difensore, gestiti ora da un unico rappresentante. La Fiorentina, però, spara alto: minimo venticinque milioni l'uno. E non potrebbe essere altrimenti, considerate le doti di Veretout e la salita alla ribalta in Nazionale del terzino.

AMICIZIE NAPOLETANE - Non è un mistero che Cristiano Giuntoli monitori i due viola, soprattutto il francese. Il Napoli dovrà gettarsi su un centrocampista a giugno e la nuova partnership con Giuffredi potrebbe risultare decisiva, dato che il procuratore ha già portato in Campania i due calciatori dell'Empoli richiesti da Sarri, ovvero Elseid Hysaj e Mario Rui. Dunque, l'asse è caldo e ben oliato. Inoltre, Giuffredi segue anche Giovanni Di Lorenzo, anch'egli alla corte degli azzurri toscani e obiettivo della Fiorentina. Un giro di affari ben indirizzato, almeno sulla carta, perché Lione e Marsiglia non restano a guardare.