38
Valentina Baggio, figlia di Roberto Baggio, intervistata da iodonna parla del padre, di Italia e Brasile... 

"Il Mondiale femminile? Le azzurre sono state bravissime. Hanno lottato con coraggio fino all’ultimo. Non ho seguito tutte le partite, ma è stato esaltante questo tifo intorno a loro. Si è acceso un faro su un’attività considerata, forse, per certi versi, meno interessante del calcio maschile". 

28 anni, social Media Manager di Renzo Rosso, il fondatore della Diesel, ha due fratelli, è appassionata di Bikram yoga e vive a Milano. 

"Se il Brasile è tabù in casa Baggio? Ma no. Adoro questo Paese con cui ho un forte legame e ho tanti amici lì. Se, poi, ci riferiamo a quel “famoso” rigore nella finale mondiale con il Brasile di Usa ‘94, beh, sono cose che possono accadere. È brutto da dire, ma sono contenta che mio padre abbia… sbagliato quel tiro. I brasiliani non mi amerebbero così tanto quando scoprono di chi sono figlia! Scherzo, naturalmente. È stata invece una grande sofferenza. Ero lì con mia madre venticinque anni fa. Quello che posso dire, e di cui sono orgogliosa, è che mio padre aveva dato tutto se stesso come capitano. Aveva fatto un mondiale incredibile. E comunque vorrei precisare una cosa che mi sta a cuore".

La figlia di Baggio prosegue: "Molti dimenticano che a sbagliare il primo rigore era stato Franco Baresi, nessuno se lo ricorda mai. In ogni caso, a posteriori, quel tiro sfortunato ha reso mio padre ancora più umano. Insomma anche i grandi possono sbagliare. Forse per questo è sempre stato molto amato. Mai uno scandalo, mai un atteggiamento fuori riga. Lui e mia madre sono sposati da trent’anni, hanno festeggiato l’anniversario lo scorso 1 luglio, la dimostrazione che l’amore esiste".