Calciomercato.com

La Juve tra Lukaku e l'Inter, come 4 anni fa ma con un finale già diverso: prima c'era Dybala, ora decide Vlahovic

La Juve tra Lukaku e l'Inter, come 4 anni fa ma con un finale già diverso: prima c'era Dybala, ora decide Vlahovic

  • Nicola Balice
  • 83
Quattro anni dopo, ci risiamo. La Juve prova a mettersi di mezzo tra Romelu Lukaku e l'Inter. Ma se quattro anni fa il progetto disegnato in quella fase da Fabio Paratici non riuscì a completarsi, perché Paulo Dybala preferì restare ogni costo rifiutandosi di trovare un accordo con il Manchester United, questa volta non sarà il fattore Dusan Vlahovic a guastare i piani bianconeri. Il che non significa che Lukaku arriverà sicuramente a Torino, anzi di passi ne mancano ancora e non pochi. Ma che, salvo nuovi colpi di scena, quantomeno il centravanti belga non tornerà all'Inter: la sola volontà di ascoltare con attenzione la proposta bianconera facendo rallentare la macchina nerazzurra è stato ritenuto un tradimento sufficiente dalla triade Zhang-Ausilio-Marotta per annunciare al giocatore e al Chelsea la brusca ritirata. Poi se dovesse esserci il ripensamento, Romelu dovrà vedersela sostanzialmente con l'avvocato Ledure.

LUKAKU-JUVEQuesto non significa però che la Juve accelererà. La strategia si sta già rivelando vincente, se manovra di disturbo doveva essere allora è andata anche meglio dello sperato, per valutarla come mossa di mercato bisognerà aspettare ancora qualche giorno. Perché un centravanti titolare è atteso alla Continassa solo nel caso in cui effettivamente Vlahovic dovesse partire e qui siamo ancora lontani dalle fumate bianche: seconda scelta per Bayern e mezza Premier, aspetta soprattutto l'effetto domino tra Madrid (sponda Real) e Parigi se al Psg dovesse sciogliere il nodo Kylian Mbappé in tempi brevi. E comunque resta solido il partito di chi non vorrebbe effettuare un investimento di questo tipo per un profilo come Lukaku, per età e per costì, preferendo qualche talento in rampa di lancio (vedi Jonathan David). Il mercato entra nel vivo e la Juve nonostante tutto si prende una parte da protagonista, con un finale comunque da scrivere. Che in ogni caso sembra già diverso da quello di quattro anni fa.

Altre notizie