40
Meno due. Il countdown di Milanello verso il raduno di lunedì si avvicina sempre più al gong: i rossoneri, mentre attendono la fumata bianca per il rinnovo di Ibrahimovic, valutano la rosa da consegnare a Stefano Pioli. Una rosa che ricalcherà i punti fermi del Milan post-lockdown: nessuna rivoluzione, ma qualche cambiamento a centrocampo servirà. Perché con Bonaventura e Biglia già lontani e con Krunic e Paquetà in bilico, le uniche certezze in mediana si chiamano Bennacer e Kessié

IL MILAN OSSERVA - Maldini e Massara lo sanno, motivo per cui lavorano su più fronti in vista del mercato estivo. Sempre viva, infatti, la pista Florentino. Centrocampista del Benfica, il classe 1999 è sceso in campo solo dieci volte nella scorsa stagione, venendo poco considerato dall'allora tecnico Bruno Lage. Scelte che Jorge Jesus, nuovo allenatore, non intende imitare: lo ha confermato anche al procuratore del ragazzo in un incontro di pochi giorni fa, in cui è stata tuttavia ribadita l'apertura a prendere in considerazione eventuali offerte
LA MINACCIA E IL FATTORE BAKAYOKO - Il Milan non molla e osserva la situazione: nonostante le ultime parole di Tiago Pinto, i rossoneri studiano la soluzione. Il ds del Benfica ha recentemente minacciato: "Florentino? Credo continuerà a giocare qui, non penso andrà al Milan quest'estate". Parole di facciata, che non fermano le idee del Milan e il lavoro dell'agente, ancora al lavoro per un trasferimento del ragazzo. L'obiettivo rossonero è un prestito biennale con obbligo di riscatto. Una soluzione che al momento convince poco i portoghesi, che chiedono 30 milioni di euro e nelle scorse ore hanno rifiutato un'offerta dal Fulham. Gli inglesi, secondo quanto appreso da Calciomercato.com, hanno messo sul piatto un milione per il prestito e 25 per il riscatto: secco no da Lisbona. La strategia del Milan è chiara e si basa anche su Tiémoué Bakayoko: il francese è la priorità, tanto che c'è già una bozza di ingaggio su una base di 2,8 milioni di euro. Così facendo, Maldini e Massara consegnerebbero quasi subito un nuovo centrocampista a Pioli, in attesa dell'assalto decisivo a Florentino nella seconda metà di settembre. Nella speranza che il Benfica abbassi le pretese...