13
Le indiscrezioni che rimbalzano in queste ore relativamente al futuro di Dennis Praet hanno del clamoroso: secondo vari quotidiani nazionali, la Sampdoria avrebbe già trovato l'accordo con la Juventus per cedere il calciatore belga in estate ai bianconeri. Sarebbe stato questo l'esito del summit tenutosi qualche giorno fa all'hotel Gallia tra la società di Corte Lambruschini e quella di Torino. Il giocatore piace molto agli uomini mercato della Vecchia Signora, e avrebbe riscosso pure l'approvazione del tecnico Allegri.

RICHIESTE SAMP - Praet però ha nel suo contratto una clausola rescissoria da 26 milioni di euro. La Sampdoria non è intenzionata a fare sconti per il suo gioiello, anche considerando che le tante società interessate potrebbero aprire un'asta in estate, un po' come successo per Schick. Per questo motivo la base di trattativa su cui imbastire l'operazione dovrebbe essere circa 30 milioni di euro. Non va dimenticato infatti che la clausola, per avere validità, deve essere pagata tutta in un'unica tranche. Non può essere rateizzata, a meno che la Sampdoria non decida di accettare una simile condizione. E per farlo, Ferrero chiederà un importo più alto rispetto a quello indicato nel contratto, come già fatto a suo tempo per Schick.
TENTATIVO JUVE - La Juve probabilmente cercherà di abbassare la parte 'cash', inserendo alcune contropartite, ad esempio Rolando Mandragora, Riccardo Orsolini o Alberto Cerri, giocatori che sembrerebbero suscitare il gradimento della Samp. E' anche probabile però che i blucerchiati rifiutino una proposta del genere. Oltretutto già in estate la dirigenza doriana aveva respinto un assalto a Praet: il Newcastle era arrivato ad offrire più di 20 milioni per il calciatore classe 1994, che all'epoca era reduce da una stagione negativa a Genova. La Samp aveva respinto la proposta al mittente, ecco perchè è molto difficile che accetti di svendere adesso il suo talento, considerando l'avvio di campionato molto positivo e anche la continuità trovata dall'ex Anderlecht in questa annata.