28
Iniziamo oggi una nuova rubrica. Ogni settimana Calciomercato.com vi offrirà la classifica di rendimento di tutti i giocatori della Serie A con i voti dei nostri collaboratori e dei nostri inviati. Li aggiorneremo ad ogni turno di campionato e ogni settimana vi offriremo la formazione top e la formazione flop della stessa giornata. A causa dell’incompletezza della prima giornata (domani si giocheranno tre gare in recupero), partiamo dal secondo turno. Sia la top 11 che la flop 11 sono schierate con il 4-2-3-1. Nella gallery entrambe le formazioni, partendo dalla top 11.

Formazione top (4-2-3-1) Allenatore FILIPPO INZAGHI (Benevento): è sua l’impresa della giornata, sotto di 2 gol il Benevento rimonta a Marassi e stende la Samp.


-----------------------------
DRAGOWSKI (Fiorentina):
decisivo a San Siro come lo sono Handanovic nella stessa partita e il suo connazionale Szczesny all’Olimpico contro la Roma. Abbiamo scelto il viola perché è il più giovane.

HATEBOER (Atalanta): palla sul secondo palo, arriva puntuale a metterla dentro. A Torino, partenza scintillante.

KJAER (Milan): come nel post-lockdown, a Crotone si conferma a livelli altissimi. E’ ormai uno dei centrali più affidabili della Serie A.

CALDIROLA (Benevento): doppietta in rimonta a Marassi. Ed è un difensore...

SPINAZZOLA (Roma): sfonda la Juve sulla sua fascia, in una splendida partita commette una sola leggerezza lasciando troppa libertà a Danilo per il cross del 2-2 di Ronaldo.

ZIELINSKI (Napoli): gol e gara da applausi contro il Genoa.

VERETOUT (Roma): due gol contro la Juve, il secondo strepitoso, quanto a
quello su rigore è lui a procurarlo.

RIBERY (Fiorentina): probabilmente è il miglior giocatore della seconda giornata. Quando Iachini lo toglie, i mille tifosi interisti di San Siro lo applaudono, ma la Fiorentina crolla.

SORIANO (Bologna): doppietta e assist, il Parma si inginocchia.

RONALDO (Juventus): come un anno fa, anche se la Juve non c’è lui segna.

MERTENS (Napoli): un gol e due assist, vede un calcio a cui pochi arrivano.

Formazione flop (4-3-1-2) Allenatore RANIERI (Samp): la sua squadra viene rimontata in casa dal Benevento. Urgono rinforzi.


-------------------------------

MARCHETTI (Genoa):
magari quei 6 gol li prenderebbe anche Perin, che invece resta fuori per il coronavirus. Non gioca da una vita e il suo ritorno coincide con una disfatta.

SALA (Spezia): alla prima azione, Djuricic lo salta con un tunnel e segna. Quel gol condiziona la sua prestazione.

TONELLI (Sampdoria): la Samp dietro è un disastro.

KOLAROV (Inter): gioca al posto di Skriniar e lo fa rimpiangere.

LUCA PELLEGRINI (Genoa): ha sulla coscienza il gol con cui Lozano apre la
goleada contro il Genoa.

BROZOVIC (Inter): contro la Fiorentina resta in ombra per tutta la partita.

ZANELLATO (Crotone): mai visto nel primo tempo di fronte al Milan. E’ il
primo cambio di Stroppa.

RABIOT (Juventus): è confuso, fuori quadro e così disorientato da commettere su Mkhitaryan, a metà campo, uno stupidissimo fallo che gli costa il secondo giallo, dopo quello preso per il tocco di mano in occasione del rigore.

BERENGUER (Torino): spento, ma proprio spento.

VLAHOVIC (Fiorentina): ha vent’anni e diventerà un ottimo centravanti, ma
quando Iachini lo mette a metà ripresa a San Siro sbaglia in modo clamoroso il gol del 4-2 e si fa battere da D’Ambrosio sul colpo di testa del 4-3 interista.

MORATA (Juventus): non è ancora pronto e si vede lontano un miglio. E’ un
errore farlo giocare dall’inizio.