50
Un paragone umiliante. Che i diritti televisivi sulla Serie A riscuotessero scarso interesse all'estero era cosa nota tanto quanto il loro basso valore di mercato. Ma nelle scorse ore ne abbiamo avuto una misura impietosa. A dare la sveglia è stata la vendita negli Usa dei diritti sulla Liga spagnola, avvenuta a nemmeno due mesi di distanza dalla cessione dei diritti sul massimo campionato italiano. Viene fuori che la Serie A vale tre volte meno della Liga. Uno schiaffo sonoro che i dirigenti della Lega di Serie A devono incassare in silenzio, dato che due mesi fa hanno accolto festanti il piatto di lenticchie allungato dal broadcaster statunitense. L'ennesima dimostrazione di quanto sia caduto in basso il valore del nostro calcio. Con un ulteriore e sconfortante dettaglio: a offrire per i diritti della Liga una cifra tre volte superiore a quella dei diritti per la Serie A è lo stesso soggetto che detiene i diritti sulla Serie A fino al termine di questa stagione e ha preferito mollarli. Umiliazione al quadrato.
 

IL GRANDE ACCORDO - Lo scorso marzo era stato annunciato in pompa magna l'accordo di cessione negli Usa dei diritti sulla Serie A per il triennio 2021-24. A aggiudicarseli è il gruppo Viacom-CBS, che per le 380 gare del massimo campionato italiano paga 170 milioni di euro in totale, cioè circa 54 milioni di euro a stagione (https://www.calcioefinanza.it/2021/03/23/la-serie-negli-usa-su-cbs-affare-da-55-milioni/). È una cifra più elevata rispetto a quella pagata da Disney, che detiene i diritti per il periodo di accordo in scadenza e fa trasmettere le gare di Serie A attraverso le frequenze di Espn. In quelle ore l'amministratore delegato della Lega di Serie A, Luigi De Siervo, ha sfoggiato toni esaltati per celebrare il rialzo del prezzo di cessione e presentato l'accordo come un grande successo. Parole che a due mesi di distanza suonano improvvide.
 
IL VERO AFFARE - Nelle ore scorse sono stati resi noti i dettagli sulla cessione negli Usa dei diritti televisivi sulla Liga spagnola (https://www.elmundo.es/deportes/futbol/primera-division/2021/05/13/609d73aafdddff238d8b4608.html). Basta la cifra della singola stagione per annichilire la Serie A nel confronto: 150 milioni di euro. Dunque, una sola stagione della Liga vale quasi quanto tre stagioni della Serie A. E non è tutto. Perché oltre a pagare 3 volte tanto, i broadcaster Usa scelgono un impegno che quasi triplica il tempo di durata: dai 3 anni della Serie A agli 8 anni della Liga (scadenza stagione 2028-29). Ciò significa che, mentre De Siervo ancora festeggia i 170 milioni di euro allungati sul piattino, Javier Tebas porta a casa circa 1,2 miliardi di euro. Ultima annotazione: le 8 stagioni di Liga spagnola verranno trasmessi da Espn, cioè il network che nel weekend della prossima settimana si libererà della Serie A. Giusto per chiudere il cerchio delle mortificazioni.