1
Lazio-Cagliari 3-0

Strakosha 6,5: Sempre sicuro quando il Cagliari sale di tono (e non capita spesso), devia il tiro di Farias sulla traversa e rimedia ad un paio di imprecisioni della sua retroguardia. 

Bastos 7: Risolve un paio di situazioni spinose, a volte con i compagni di reparto è un po’ lezioso in fase di disimpegno. Appena rientra in campo segna il suo secondo gol quest’anno. 

de Vrij 6,5: Guida la retroguardia, sempre attento, ogni tanto sbaglia in fase di costruzione per via del grande pressing del Cagliari ma rimedia sempre. 

Radu 6,5: Pratico, sembra aver trovato uno smalto invidiabile con Inzaghi in panchina: sempre lucido, attento, sbaglia pochissimo. 
(Dal 70’ Luiz Felipe s.v.)

Marusic 6,5: Appoggia per Immobile il gol del raddoppio Lazio, dimostra partita dopo partita di avere gamba, voglia. Difficilmente punta l’uomo, ma si fa sempre trovare pronto in fase di costruzione, provando spesso la sgroppata. 
(Dal 78’ Caicedo s.v.)

Parolo 6,5: Qualche errore di troppo in fase di palleggio in avvio, gli si perdona tutto perché ogni volta spende anche più di quello che ha, di quello che viene notato.

Leiva 6,5: Molto sapiente davanti alla difesa, la sua è vera intelligenza calcistica: corre anche poco per il ruolo, perché si trova sempre al momento giusto, nel posto giusto. Si prende i cori di approvazione dell’Olimpico. 
(Dal 57’ Murgia 6: Entra nel momento in cui la partita è già comoda e in discesa. Piuttosto autoritario, Inzaghi gli sta dando tanto minutaggio per farlo crescere). 

Milinkovic 6,5: Nel primo tempo prova a sfruttare le sue lunghe leve per imprimere il suo ritmo e la sua forza sul match, non è incisivo come in altre partite. Sfiora comunque il gol nel finale. 

Lulic 6,5: Snocciola un paio di cross niente male, cresce di intensità insieme alla Lazio, si intende a meraviglia con Milinkovic che spesso gravita dalle sue parti. Una partita di sostanza. 

Luis Alberto 6,5: Una costante, suo il primo squillo Lazio, colpo di testa sopra la traversa di Crosta. Tutta la partita è una dimostrazione di intelligenza, posizionamento esatto, velocità di testa e di giocata. 

Immobile 7,5: Si guadagna e trasforma il calcio di rigore del vantaggio, raddoppia di testa da pochi passi, 7 gol nelle ultime 5 partite, 13 in tutto il campionato, 17 stagionali. In questo momento è talmente in forma che sarebbe capace di segnare anche bendato. 

All. Inzaghi 7: La sua Lazio fa bottino pieno di gol e punti, contro un Cagliari che piano piano si sgonfia. Prima VAR favorevole per i biancocelesti, altra settimana straordinaria: espugna Torino, Nizza e ora si prende i 3 punti senza fatica. Qualcuno lo chiama ‘Re Mida’, ma il suo tocco è benedetto, la Lazio ha sempre fame, la corsa continua.