La volpe e l'uva. Claudio Lotito torna sul caso Astori, passato dal Cagliari alla Roma dopo essere stato trattato a lungo dalla Lazio. Il presidente biancoceleste ha dichiarato in un'intervista al quotidiano Libero: "Non ho mai detto che avremmo preso Astori. Stiamo lavorando sul mercato per la difesa, ci sono due colpi in canna, ma non ho mai fatto nomi. Basta vedere quali sono i giornali che hanno messo in campo l'azione mediatica dell'auspicato, ma non riuscito, smacco ai miei danni: vorrà dire qualcosa... Ai tifosi continuo a dire che rafforzeremo la squadra, ma io ormai parlo solo per comunicati: scripta manent. Anche le voci sull'addio di Tare sono fasulle, con tutto il rispetto è Astori, mica Maradona... Balzaretti docet. Alla Roma lo scudetto d'estate? Solo proclami, non mi sembra che abbiano vinto nulla. La Roma ha ancora il concetto del calcio come le bocce, ma qui non conta chi ci va più vicino". 

MERCATO - Nel mirino della Lazio c'è sempre il giovane nazionale olandese De Vrij del Feyenoord, ma non solo: sul taccuino ci sono i nomi di Paletta (Parma), De Maio (Genoa), Campagnaro (Inter), Balanta (River Plate), Schar (Basilea), Dragovic (Dinamo Kiev) e Toloi (San Paolo).