Commenta per primo

Reja ci pensa ancora. Lotito non ha chiuso il mercato in entrata. Se potrà, piaz­zerà altri due acquisti: un difensore centrale e una mezz’ala, affari da concludere ad agosto e dopo aver alleggerito l’organico. Il vero colpo diventerebbe Miralem Pjanic del­l’Olympique Lione, contratto in sca­denza 2013, uno dei migliori centro­campisti del­l’ultima Cham­pions League. Il 7 giugno il tecnico friula­no e il ds Tare erano piomba­ti allo stadio di Zenica per se­guire Bosnia­Albania: l’obiettivo della missione era studiare Lulic, esterno appena preso dallo Young Boys, e appro­fondire i colloqui con Cana, ex cen­trocampista del Galatasaray. Ma quella sera Reja rimase folgorato anche dai movimenti di Pjanic, re­gista nella Bosnia del ct Susic, in­terno di centrocampo o trequartista nel Lione. Costa 10-12 milioni di eu­ro. Classe ‘90, ha compiuto 21 anni all’inizio di aprile, possiede un tiro potente dalla lunga distanza, può essere impiegato anche da esterno. Così giovane ha già totalizzato 119 presenze in Ligue 1 realizzando 13 gol e altre 21 (con 5 reti) in Champions. In nazionale ha già giocato 27 partite e Lulic, uno dei nuovi acqui­sti della Lazio, è un suo grande ami­co. Pjanic è considerato uno dei mi­gliori centrocampisti europei. E’ nato in Bosnia, è cresciuto in Lus­semburgo, ora possiede anche il passaporto francese. Non è escluso che Lotito e Tare, già due volte in missione in Francia a giugno, lo stiano trattando da più di un mese. Non si tratta di un’operazione sem­plice, anche perché il Lione sta pro­vando a prolungargli il contratto. 

PROGETTO - Pjanic è il vero sogno di Reja, che per completare il proget­to della Lazio ha biso­gno di un centrocam­pista di movimento capace di accompa­gnare l’azione. Ecco perché nelle scorse settimane, per lo stes­so ruolo, erano emer­si altri due obiettivi legati al campionato italiano. Si tratta di Marco Parolo, numero 8 del Cesena, rivelazione dell’ultima stagione e appena inse­rito dal ct Prandelli nel giro azzur­ro, e del greco Panagiotis Konè, in uscita dal Brescia, considerato da Corioni e da Nani il nuovo Hamsik. Pjanic ha già dimostrato a livelli su­periori una qualità tecnica eccelsa. Reja sta modellando la nuova Lazio con il 4-3-1-2 e il bosniaco si inseri­rebbe in un reparto che oggi preve­de Ledesma, Hernanes e uno tra Cana, Brocchi e Mauri. È ovvio che bisognerà seguire gli sviluppi rela­tivi alle uscite. Ci sono anche Bre­sciano, Gonzalez e Matuzalem, il cui nome nei giorni scorsi è stato accostato al Genoa di Preziosi, al­leato di Lotito. Ieri sera a Villa San Sebastiano vertice con i legali performalizzare la cessione di Muslera al Galasaratay e lo scambio con Lo­rik Cana: s’attende l’ufficialità.