4
Trattativa infinita. Il rinnovo del contratto di Simone Inzaghi con la Lazio è ancora in stand-by. Secondo la Gazzetta dello Sport, non è legato alla Champions League, ma può esserne condizionato. In caso di qualificazione l'allenatore avrebbe un maggiore potere contrattuale, ma anche Lotito avrebbe la certezza di poter contare su introiti sicuri che gli consentirebbero di premiare il tecnico con un ingaggio più ricco. Altrimenti la situazione sarebbe altrettanto chiara tanto per chi chiede quanto per chi offre. 

Le parti continuano a essere vicinissime, devono solo limare dettagli economici (relativi essenzialmente all'entità dei bonus) che non sono secondari, ma neppure tali da rimettere in discussione l'accordo. Sulla parte fissa (circa 2,5 milioni a stagione per tre anni) l'intesa c'è infatti da tempo. Sulla parte legata ai risultati no, anche perché si sta mettendo a punto un meccanismo complesso che prevede la trasformazione di alcuni bonus in parte fissa per gli anni successivi nel caso in cui uno o più obiettivi vengano raggiunti già al primo anno. 

C'è insomma ancora da trattare e farlo a campionato chiuso è probabilmente la cosa migliore. Con l’unico rischio che - in questa situazione di stallo - possano intervenire fattori esterni. Ovvero avances di altri club nei confronti dell’allenatore. Ipotesi, va detto, che al momento non è realistica. Ma non è escluso che lo diventi.