Commenta per primo

E' pronto a rientrare, Fabiano, dopo un mese di assenza per infortunio, ora è pronto a indossare nuovamente la maglia giallorossa e scendere in campo.
«Penso proprio di sì - ha dichiarato - Durante il periodo dell’infortunio non mi sono mai fermato; subito dopo l’intervento chirurgico all’avambraccio destro, effettuato a Perugia dal prof. Cerulli, ho svolto un lavoro differenziato prima di poter tornare a lavorare con il resto del gruppo. Adesso mi sento decisamente bene e per cui il mister può contare sulla mia disponibilità già dalla prossima partita di campionato contro la Sampdoria. Tra l’altro, da qualche giorno dispongo di uno speciale tutore in fibra di carbonio (è molto simile ad un parastinchi, ndr) che uso in allenamento e quindi potrei usare anche in partita».

Le hanno fatto piacere i complimenti che mister De Canio le ha rivolto subito dopo l’infortunio con il Brescia?
«Ci mancherebbe altro, fa sempre piacere ricevere dei complimenti e confesso che sono ancora più belli se a farli è il proprio allenatore».

Per il tecnico materano nelle ultime partite lei aveva finalmente cominciato a interpretare il ruolo di difensore centrale così come piace a lui...
«Se il mister si è detto soddisfatto delle mie prestazioni evidentemente stiamo raccogliendo il frutto del lavoro che stiamo facendo assieme ogni giorno sul campo. Come intende De Canio il ruolo di difensore centrale? Lui mi ha sempre esortato ad essere più cattivo, ad osservare una marcatura più stretta sugli attaccanti avversari, in poche parole mi ha spinto ad essere più difensore. Ho seguito i suoi consigli e mi rende felice che l’abbiamo sottolineato anche lui»