Nicola Legrottaglie, ex difensore della Juventus, ha parlato ai microfoni di Radio Sportiva: “Alla Juve si compete per vincere, ogni anno è così. Normale mettere pressione sui giocatori per vincere la Champions. Le potenzialità ci sono, perché nascondersi?”.

SU MAROTTA - “La mentalità della Juve è stata chiara fin dall'inizio, viene prima il collettivo del singolo. È accaduto con Del Piero, Buffon e ora anche con lui. Ha sorpreso che sia rimasto Paratici e non Marotta, comunque”.

SU BONUCCI - “Non conoscendo le dinamiche non possiamo giudicare. Ha capito di aver fatto un errore e lo ha ammesso, questo è importante”.

SU BERNARDESCHI - “E’ cresciuto molto, è molto più concreto e convinto. Messo in un contesto come quello della Juve non puoi non crescere”.