Commenta per primo
Leonardo ha messo da parte qualsiasi altro discorso, dal futuro dell'allenatore Thomas Tuchel e il nome del suo possibile successore al riscatto di Mauro Icardi: al Paris Saint Germain la priorità principale è diventata blindare Tanguy Kouassi, l'ultimo talento sbocciato nel club campione di Francia, al centro di una diatriba contrattuale che ha fatto scattare l'allarme rosso.

CHE NUMERI - Kouassi è un classe 2002, ha esordito in prima squadra lo scorso dicembre e il passato 15 febbraio ha firmato i suoi primi gol da professionista, una doppietta che gli ha consentito di diventare il secondo giocatore più precoce di sempre nella storia della Ligue 1 - a 17 anni e 253 giorni, dietro soltanto a Lionel Justier -. E, in tema di record e statistiche, contro il Reims nella semifinale di Coupe de la Ligue ha realizzato la rete numero 4000 nella storia del suo club. Ma oltre ai numeri c'è di più, per esempio un fisico imponente e una personalità fuori dal comune. Doti che gli hanno consentito di bruciare velocemente le tappe, dagli inizi nei sobborghi di Parigi (è figlio di emigranti ivoriani) agli allenamenti e poi al battesimo del fuoco a fianco di Thiago Silva, Marquinhos e... Verratti. Sì, perché Kouassi nasce difensore centrale ma possiede le qualità in impostazione e la fisicità per agire da playamker basso, ruolo nel quale Tuchel lo sta utilizzando prevalentemente.
TRA INTER E LIPSIA - E posizione che lo aiuta a nascondere quegli eccessi di confidenza che lo portano talvolta a commettere errori grossolani e figli della superficialità. I margini di crescita sono ovviamente immensi, ma per far sì che possano emergere è necessario che il ragazzo giochi con continuità. Una prospettiva che negli ultimi tempi non è stata offerta a gran parte dei campioni in erba usciti dal vivaio del PSG e che il vero motivo alla base dei ripetuti tentativi a vuoto di Leonardo per convincere Kouassi a firmare il primo contratto da professionista. Quello attuale non lo è e soprattutto scade a giugno: una condizione che ha attirato da subito l'interesse di diverse società, tra cui quello dell'Inter, che ha intravisto nel calciatore francese il potenziale per disimpegnarsi in una difesa a 3. La concorrenza è tanta e su quello che Oltralpe viene ribattezzato il "nuovo Koulibaly" è forte l'RB Lipsia, che lo considera il sostituto del corteggiatissimo Upamecano.