Commenta per primo

Un attaccante con il gol nel sangue, vittima di un sistema calcio italiano marcio e anacronistico. Alessandro Beccaria, 24enne bomber di origine mantovana, dopo la positiva esperienza in Indonesia con la maglia del Bali Devata United ha scelto ancora l'estero per incantare. Nonostante le offerte arrivate dall'Italia, il bomber cresciuto con l'etichetta di nuovo Borriello cucita addosso, ha accettato l'offerta dello VfL Sportfreunde Lotte, club ambizioso della Fußball-Regionalliga tedesca.

A calciomercato.com ha spiegato i motivi della sua scelta: "Con 7 gol in 11 partite considero la mia avventura con il Bali Devata estremamente positiva. L'Indonesia è un Paese al quale sono legato, mi ha dato tanto ed è stato un'ottima vetrina. Ho scelto però di tornare in Europa per rimettermi in gioco in un campionato più competitivo, che possa darmi soddisfazioni, non solo a livello economico. Ho ricevuto tante proposte, anche dalla Lega Pro, ma in Italia non ci sono soldi, non posso accettare solo promesse. Lo Sportfreunde Lotte mi ha voluto fortemente, è un club ambizioso costruito per salire di categoria. Ho scelto la Germania anche per l'organizzazione, qui le strutture ti permettono di lavorare bene. Io sulle orme di Rizzitelli e Toni? Sono due attaccanti che hanno fatto molto bene in Gernania, anch'io voglio lasciare il segno, ma non facciamo paragoni. Il mister mi fa giocare come prima punta nel 4-2-3-1, sono in attesa del transfer dall'Indonesia, dovrei esordire sabato".