83
Intervistato da Dazn nel prepartita della sfida contro la Juventus, il direttore tecnico del Milan, Paolo Maldini, ha parlato di mercato, della rivalità, della crescita dei rossoneri e di quanto sia importante questa sfida.

IMPORTANTE - "Più importante per noi o per la Juve? Per noi conta tanto. Allegri dice che è una sfida più importante per noi? Non so le motivazioni, dovreste chiedere a lui. Per noi è una partita importante".

CRESCITA - "Veniamo da una trasferta che ci ha segnato e impegnato tanto ma non ci ha tolto quelle certezze. Le certezze son quelle dell'anno scorso, abbiamo la voglia di cercare di imporre qualcosa, la voglia di non essere passivi, di migliorare. In un anno ci sono giocatori che hanno maturato più esperienza e noi rispetto all'anno scorso crediamo di essere più forti'
ROMAGNOLI - Domanda dell'ex Montolivo sulla fascia di capitano persa da Romagnoli e oggi titolare: "Tu lo conosci bene, Alessio è un grande professionista, un grande capitano. Ormai in una squadra che gioca la Champions League e più competizioni, ci vogliono 15-16 titolari e Alessio è uno di questi".

L'ADDIO DI LOCATELLI - "Io sono arrivato la settimana della decisione di Locatelli al Sassuolo. Mi piace dire le cose come stanno: abbiamo chiesto al giocatore di rimanere, ma lui ha chiesto di andare via. Qui rimane solo chi vuole restare con motivazione. Magari il percorso di Manuel non era in linea con le sue aspettative". 

KESSIE - "Se ho parlato più con Klopp o con con il procuratore di Kessie? Più con Klopp. Noi è un anno e mezzo che parliamo con l'agente di Kessie, ci sono state tante occasioni e ce ne saranno tante".