241
Non si sa quanto possa valere la scusa: “Se ci fosse stato Nedved, la partita sarebbe finita diversamente”. Stiamo parlando di Juventus-Milan, finale di Champions 2003 che, il 28 maggio di quell’anno, vide i bianconeri soccombere ai rigori, all’Old Trafford di Manchester.  La scusa non vale perché la storia non si fa (né si rifà) con i se, perché i “dietrismi” del tipo “hanno fatto apposta ad ammonire Nedved, già diffidato, così saltava la finale” non sono mai tollerabili. Anche se, questi dietrismi vengono puntualmente utilizzati per denigrare ogni prestazione della Juventus. No, niente scuse. La Juve arrivava da favorita a quell’appuntamento e, sul campo, non riuscì a imporsi. E se i rigori sono una “lotteria”, lo sono sempre. Anche quando vinci, come successe in un’altra finale Champions con l’Ajax.

NEDVED, MERITI, SFOTTO': CONTINUA SU ILBIANCONERO.COM