Commenta per primo

Prime mosse di mercato in casa Fiorentina che lavora ai prolungamenti di contratto di alcuni giocatori, fra cui Neto, Gonzalo Rodriguez e Borja Valero, ma che punta anche ad almeno due acquisti importanti per difesa e centrocampo, e all'arrivo in vista della prossima stagione di qualche giovane talento. Si è fatto il nome nelle ultime settimane soprattutto di Giacomo Bonaventura dell'Atalanta e Calciomercato.com ne ha parlato con il suo procuratore, Giocondo Martorelli
 

Che giudizio dà della Fiorentina nell'ultimo periodo?
"Fare delle critiche a questa squadra, a questo allenatore, a questa società oggi mi sembrano sinceramente anacronostiche e fuori luogo. La Fiorentina è una squadra stanca, è sotto gli occhi di tutti. Però i viola come nessuna altra squadra di serie A, può regalare tanti uomini. Contro il Milan ne mancavano sei, contro la Sampdoria addirittura di più. È legittimo avere un calo di forma e forse da qualche giocatore si poteva aspettarsi qualcosa in più. Bastava che in qualche occasione Matri avesse fatto gol fra Napoli, Sampdoria e Milan, e la classifica della Fiorentina sarebbe stata diversa".

La Fiorentina è alla ricerca di innesti in grado di allungare la rosa. E' corretto?
"Oggi non si può non si può non creare una squadra composta da 17-18 giocatori sullo stesso livello. Probabilmente quest'anno a Firenze qualche giovane è stato al di sotto delle aspettative. Un elemento giovane ha bisogno di tempo per emergere ed ambientarsi in un club dalle alte ambizioni come è quello della Fiorentina".

Si continua a fare il nome di Giacomo Bonaventura, come una delle priorità di mercato della Fiorentina. Ci sono novità?
"Siamo a conoscenza dell'interesse del club viola verso Bonaventura. È un interesse che c'è da diverso tempo, in questo momento però Giacomo è impegnato nel fare un grande finale di stagione con l'Atalanta e ad avere una significativa continuità di rendimento per poter far si che con la squadra nerazzurra possa chiudere un campionato che sta facendo togliere diverse soddisfazioni ai bergamaschi. Le lusinghe fanno piacere, credo che i dirigenti gigliati, mai così preparati ed attenti, dopo che avranno fatto serenamente le loro valutazioni, vorranno intavolare una trattativa con l'Atalanta, a quel punto entreremmo in scena anche noi. Parlare prima che ciò avvenga sarebbe scorretto. L'unica cosa, scontata, è che Giacomo apprezza moltissimo il gioco della Fiorentina di Montella, ma oggi è giusto dire che ha in testa solo l'Atalanta ed il bene del club di cui veste la maglia".