269
Frederic Massara, direttore sportivo del Milan, è intervenuto dal palco di Rimini  in occasione dell'evento organizzato per l'apertura del mercato estivo. Di seguito, le sue parole. 

LE INTUIZIONI -  Non è questione di intuizioni. È cultura del lavoro, entusiasmo, coralità, un team che costruisce la squadra e un allenatore che mette i giocatori in condizione di crescere, una cosa fatta in modo eccellente da Pioli. È uno scudetto arrivato in modo collettivo, ci sono stati momenti di difficoltà ma tutti sono stati coinvolti e ognuno di loro ha dato qualcosa, anche chi ha giocato poco. Tutti hanno messo un timbro: penso al rigore di Tatarusanu, il gol di Daniel Maldini allo Spezia, il recupero di Rebic da cui nasce il gol di Tonali all’Olimpico. Questo è merito di Pioli, ha fatto un lavoro straordinario e a lui va il ringraziamento di tutti i milanisti".

DONNARUMMA - MAIGNAN - "Era una fase delicata ma non in riferimento a Donnarumma, che è un grande campione. Quando è arrivata la nuova proprietà c’è stata una strategia volta a risistemare la condizione economica, abbiamo dovuto ritrovare competitività senza scordare la sostenibilità. Dovevamo fare di necessità virtù. Questo ci ha portato a fare scelte difficili, delicate, ma siamo felici di aver trovato un portiere straordinario che farà la storia del Milan".
IL NUMERO DI STRANIERI - "All’interno della collettività poi ci sono dei giocatori che fanno sognare. Una volta trovare gli stranieri forti era difficile, anche io da giovane quando giocavo nel Torino aspettavo sempre i campioni che di solito erano attaccanti e trequartisti. Le squadre prendevano Platini, Van Basten… noi al Toro abbiamo preso un terzino destro, van de Korput".

LA GESTIONE DEI SINGOLI - "Anche in passato era lo stesso. Sono cambiati alcuni aspetti, come lo spartiacque della legge che ha aperto alla libera circolazione degli stranieri e la legge Bosman. Quello spartiacque non è stato un momento di rottura immediato: nel ‘96 ero in procinto di svincolarmi, ero alla Fidelis e andai al Palermo guadagnando la stessa cifra. Il calcio aveva recepito la questione di tutti i lavori, io continuavo a stare sullo stesso livello di retribuzione. Ad un certo punto i portatori di interesse, famiglie e agenti, hanno colto l’occasione: l’indennizzo che la società non avrebbe pagato prendendo il giocatore a zero è iniziato ad andare al giocatore o al procuratore. È stata una rottura graduale, ora c’è un’inversione di tendenza e si pensa che certi costi non siano più sostenibili. Forse alcuni casi inizieranno a calmierare questa tendenza".